Morte sui binari

Disegno di Kenny RandomE’ capitato a molti di ascoltare, sbigottiti, gli artici e indifferenti annunci delle FFSS, relativi ai ritardi per “Morto sul binario” o il più sibillino “Corpo sul binario” che non specifica se umano o animale e lascia spazio all’immaginazione. Ma da immaginare c’è ben poco sennonché scagionarsi da un ritardo in questo modo, è colpevolmente indecente.
Comunque sia, nell’esperienza di un pendolare in attesa, quella morte rimane sempre un sentito dire, un’astrazione, un evento staccato dal proprio vissuto. A volte, quando sei fortunato, le cose rimangono così. Altre volte ti capita di incapparci in quel “corpo”. A me, favorita dalla sorte, è successo due volte: la prima molti anni fa, su un treno a lunga percorrenza che dopo lunga attesa è ripartito sfiorando quel corpo coperto; una sagoma precisa. Non per morbosa curiosità mi sono affacciata in quel momento, ma per malcapitato tempismo. Dell’impressione che ne ebbi, non sto qui a dire, ma nulla in confronto a quella suscitata dalla mia seconda volta, a casa mia, sulla banchina dell’attesa quotidiana.
Niente corpo, niente lenzuola, ma una lunga striscia di sangue. Parecchi metri, chiari, inconfondibili, paralleli alla striscia gialla, che hanno tolto il fiato. Tutti ammutoliti sulla banchina. Tutti a debita distanza. Tutti con lo sguardo perso, chi nel vuoto, chi su quella scia. Impossibile immaginare.
Al ritorno della segatura la copriva malamente.

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Malaferrovia, Storie di banchina e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Morte sui binari

  1. Topo Franz ha detto:

    Pazzesco…. e, purtroppo, qualcosa di simile è capitato anche a me in più di un’occasione. Riprenderò il tuo post prossimamente

    "Mi piace"

  2. Sonia ha detto:

    Al ritorno segatura ricopriva (malamente!?!) la striscia di sangue sul marciapiede? Io a casa mia riesco disinfettare con il vapore, mattonella per mattonella, gli 84 metri quadri di pavimento, che sono tutto il mio appartamento, in sole due ore! Invece un’intera giornata non è bastata alle ferrovie per togliere, rispettosamente e doverosamente, il segno di quell’estrema sofferenza, indecentemente calpestata, colpevolmente lasciata sotto gli occhi e i piedi di tutti?

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...