Letture da Treno

Coprtina del libro Letture da Treno Barbara Alberti. Letture da treno. Diciassette opere letterarie e un melodramma. Nottetempo, 2008. 79 p. € 7,00.

Non è un Bignami dei classici della letteratura (che, letti in treno, richiederebbero viaggi transitalici). Non è un libro di critica letteraria. Non è una rivisitazione in chiave (qualsiasi essa sia), di famosi romanzi. E’ un libriccino dissacrante, che dei classici si prende forse gioco, raccontandoli. Barbara Alberti ritiene di dirci la sua e se l’hanno pubblicata qualcuno la terrà pure in considerazione. Io trovo sia meglio andare agli originali. A voi l’ardua sentenza!

Dalla quarta di copertina: “Anna Karenina finisce sotto un treno, e le sta bene”. “Edipo andò ramingo, senza patria e senza perdono. Ben più triste la sorte di Paul Léautaud, che non riuscì mai a possedere sua madre”. “Insopportabile Ortis! Si capisce subito che ha letto il Werther, e che si ammazzerà”. Letture veloci, letture da treno, da lettore a lettore. Un bavardage sui classici della letteratura ognuno riscrive il libro che legge -, l’Autrice offre la sua lettura, come un bambino serio, come un vecchio che gioca.

Anobii.com Questa la pagina de Letture da Treno

 

Annunci

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Il treno nei libri, Libri in treno e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Letture da Treno

  1. julka75 ha detto:

    Uh, mi sa che me lo leggo…

    Mi piace

  2. Sonia ha detto:

    Credo che sia una raccolta degli articoli che ha scritto sul tema “classici della letteratura” negli ultimi anni. Spesso i giornalisti fanno così… guadagnano sul’articolo poi anche sul libro.

    Mi piace

  3. Fabio ha detto:

    La Alberti non mi era molto simpatica ma l’ho rivalutata dopo averla sentita qualche volta in una sua trasmissione su Radio24. Si chiama “La guardiana del faro” e la consiglio. Mai banale, mai indulgente, spesso crudele, anche con se stessa.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...