Il treno dei folli

Questo post era programmato da un paio di settimane e così lo lascio perché dà sollievo cercare la normalità. Annoto solo l’intenzione, stasera,  di provare ad abbandonare la tenda e dormire in casa, ma le due scosse di ieri, di magnitudo 4.0, non tranquillizzano.

– – – – – – – – – – – – – – – – – –

Per una modenese citare i Ramblers è doveroso. Grazie Fabio per il suggerimento

Il treno dei folli dei Modena City Ramblers, dall’album Dopo il lungo inverno, 2006

La carovana è pronta per partire
ultimo annuncio a tutti i passeggieri
signori su in carrozza il biglietto è regalato
e un bicchiere levato all’avventura!

Es disen tott i dé ed magnar sèimper cla mnèstra
ma nueter, invece, a vlom salter zò da la fnèstra
per do andom incoo non serve un gran bagaglio
ma buone idee e cibo per la mente

Il treno va con i sui vagabondi
e ogni piasa l’è ‘na festa e ‘na baraca
con mille suoni, cento ritmi e nuovi amori
e i racconti di tante storie

Lungo i binari si rincorrono veloci
vecchi sogni e nuovi ritornelli
e tra i vagoni passa Vilmo il controllore
a regalar frammenti di poesia

Ancora tante le mete sconosciute
da scoprire e raggiungere cantando
e mai scusa sarà così perfetta
come quella della complicità

E di stazione in stazione il viaggio avanza
C’è chi sale e chi saluta con un bacio
un vecchio amico che va per la sua strada
che le stelle lo portino lontano!

Le rotaie accompagnano promesse
sussurrate alla vita e alla follia
e la locomotiva lancia un fischio a ricordare
che il lungo inverno è ormai dimenticato

Il treno va con i sui vagabondi
e ogni piazza è una festa e una baracca
con mille suoni, cento ritmi e nuovi amori
e i racconti di tante storie

Il treno va con i sui vagabondi
e certe volte sbuffa un po’ in salita
con mille suoni, cento ritmi e nuovi amori
e i racconti di tante storie

Il treno va con i sui vagabondi
e ogni piasa l’è ‘na festa e ‘na baraca
con mille suoni, cento ritmi e nuovi amori
e i racconti di tante storie

Il treno va con i sui vagabondi
e certe volte rotola in discesa
con mille suoni, cento ritmi e nuovi amori
e i racconti di tante storie

E la luna dei viaggiatori sorride piena ai finestrini
la carovana insegue un nuovo giorno
e sogna la prossima stazione

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Il treno in musica e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...