Michele e il treno

Continuo a proporre i brani suggeriti da Fabio.

Banco del Mutuo SoccorsoMichele e il Treno, dall’album Buone notizie, 1981

Fammi salire un po’ e Michele guardava il treno
fammi salire un po’ e Michele seguì due o tre volte il pensiero.
Fammi salire un po’ e Michele toccava il treno
fammi salire un po’ e Michele sentì forte il suo desiderio.
Treno come sogno che ti manca

come donna che ti sfianca
lungo treno, prendimi per mano.

Fammi salire un po’ e Michele parlava al treno
fammi salire un po’ e così gli parlò gli sembrò quasi vero.
Fammi partire un po’ e più forte sentì forte il suo desiderio.
Treno come cielo mai toccato

come seno mai baciato
come sogno derubato

lungo treno

lungo come sogno che ti manca
come donna che ti sfianca

lungo treno prendimi per mano.
E il treno se ne andò e Michele lì a salutare
e il treno se ne andò e Michele lo volle davvero abbracciare
e il treno salutò e a Michele non venne più niente da dire.
Treno come cielo mai toccato

come seno mai baciato
come sogno derubato

lungo treno

lungo come sogno che ti manca
come donna che ti sfianca

lungo treno prendimi per mano.
E il treno se ne andò e Michele lo volle abbracciare
e il treno se ne andò accarezzandolo sopra il cuore
Michele non sentì più neanche il battito del motore.

Il testo della canzone è tratto dal sito http://angolotesti.leonardo.it

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Il treno in musica e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Michele e il treno

  1. Fabio ha detto:

    Ti ho lasciato un altro consiglio su fb. Spero tu non tema di apparire eccessivamente intellettuale a inserire sul tuo blog l’opera del genio di San Pietro a Patierno.

    "Mi piace"

  2. Fabio ha detto:

    Va bene, mi hai scoperto. Sapevo che lo avresti trovato troppo snob. Non a caso e’ l’artista preferito del più esigente critico italiano. D’altra parte la sua e’ una parabola artistica esemplare: da cantante di matrimoni agli apprezzamenti di Goffredo Fofi. Forse solo Milva a suo tempo ha avuto una evoluzione paragonabile, ma Nino e’ molto più eclettico e soprattutto infinitamente più simpatico.

    "Mi piace"

  3. Fabio ha detto:

    Quanta strada aggio fatto
    pe’ sagli’ sta fortuna
    senza giacca e cravatta
    accussi’ so’ venuto
    miez’ e facce ‘mportante
    c’hanno tuccato ‘a luna
    guardo areto ogni tanto
    pe’ capi’ addo’ so’ ghiuto

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...