Piani alti

Ogni tanto, tra i treni regionali che mi capita di prendere, ho il piacere di salire su un Treno ad Alta Frequentazione. Il TAF è un elettrotreno di soli quattro vagoni, piuttosto recente (ha solo una decina d’anni), dedicato al traffico pendolare.

Soprattutto è a due piani.

Inutile dire che la mia meta è il secondo piano, perché i piani alti pare siano il meglio, così, posso illudermi di aver conquistato la vetta nell’ascesa sociale e, nello stesso tempo, quietare la mia vanità senza ricorrere a cure estetiche invasive. Da un parte, infatti, inorgoglirei i miei avi, rifiutandomi di scendere in quella terza classe dei migranti che attraversavano, nelle stive delle navi, l’oceano, verso il Nuovo Mondo. Si, certo, io devo solo attraversare la provincia verso il lavoro ma, ancorché in seconda classe, è pur sempre un miglioramento. Peccato di vanagloria?

D’altra parte trovo che viaggiare al secondo piano sia squisitamente aristocratico e offra una visione del mondo diversa dal solito… direi più alta.

Ma è nella discesa che trovo appagata la mia vanità perché i due piani del treno sono collegati da una scaletta curva e ripida e mentre gli altri passeggeri sono in attesa sulla pedana sottostante, posso comparire, scintillante, sulla sommità della scala. Gli occhi degli astanti si innalzano a me che ne discendo, come Wanda Osiris, con leggiadria e apparente noncuranza. Se riesco a non mancare la parte più stretta del gradino (essendo la scala curva, vi è ovviamente una parte più stretta), arrivo incolume alla piattaforma a godere appieno della mia performance. Per un attimo sono una vamp, una femme fatale. Se poi sono la prima, davanti alle porte, mi basterà un “Push” per aprirle, evitando di trafficare con le solite maniglie e scomparire così, misteriosa ed elegante, nel ticchettio dei miei passi, sulla banchina ferroviaria, verso mete sconosciute.

Stamattina il TAF puzzava di cavolo.

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Storie di treno e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Piani alti

  1. laGattaGennara ha detto:

    questo son quelli con l’aria condizionata che congelo, cavolo!

    "Mi piace"

  2. julka75 ha detto:

    Io questi treni li conosco… Mi sono capitati, ogni tanto, in viaggi sporadici. Sicura che abbiano solo una decina d’anni?

    "Mi piace"

  3. julka75 ha detto:

    Reblogged this on Io viaggio in treno… purtroppo and commented:
    Pendolante e il treno a due piani:

    "Mi piace"

  4. Sonia ha detto:

    Ma come, tutta questa ascesa, sociale, scalare, tutto questo scintillio e leggiadria e poi la puzza di cavolo? Come nelle vecchie cucine dei nostri nonni migranti? Meglio non illudersi troppo…

    "Mi piace"

  5. Ilaria ha detto:

    Io invece nel Vivalto che prendo tutti i giorni all’andata e al ritorno (sempre a due piani) preferisco il piano terra. Infatti mentre al secondo piano ci sono solo posti “a quattro” che ti costringono ad incrociare le gambe con altri viaggiatori, al piano terra ci sono anche posti “a due” e se necessario (e soprattutto se non è rotto!) puoi godere anche del tavolinetto attaccato al sedile anteriore. Questo mi permette di rilassarmi più facilmente. Certo, in questo modo perdo l’occasione di ritrovarmi faccia a faccia con quei meravigliosi personaggi che puoi trovare in treno!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...