Salvagente da viaggio

Attendendo il treno del ritorno leggo passeggiando sul binario. Alzo gli occhi per schivare il solito palo che sorregge la tettoia e vedo un uomo con un qualcosa di tondo e arancione infilato al braccio. Incuriosita mi avvicino fingendo di leggere e l’oggetto mi si chiarisce in un salvagente. Ma, a ben guardare, un anomalo salvagente. Mi avvicino ancora e scopro che il viaggiatore è munito di una ciambella, con tanto di valvola sporgente, di quelle in uso da chi è affetto da emorroidi. Ora, figuriamoci se una donna che ha “partorito con dolore” non capisce il disagio di certi fastidi, ma sebbene non si faccia molto caso ad una puerpera che si aggira per i corridoi di un reparto maternitá con quell’aggeggio, é bizzarro incontrarlo in una stazione ferroviaria. Personalmente avrei qualche problema a mostrarmi in pubblico con suddetto oggetto. Magari metterlo in un sacchetto? Forse ha poca attinenza ma mi vengono alla mente quelli che, in campeggio, si dirigano ai bagni portandosi il rotolo di carta igienica sotto braccio. Ora, è chiaro cosa si va a fare in bagno, ma il mio qualcosa (pudore?) mi impedisce di manifestarlo così apertamente. Preferisco dissimulare la questione.

Comunque non sono l’unica ad essermi accorta della stravaganza e i vicini del viaggiatore lanciano sguardi intterogativi.

All’arrivo del treno saliamo e il signore, imperturbabile, sistema la ciambella sul sedile e vi  
si accomoda sopra, con prudenza. Sono ammirata da tanta nonchalance

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Storie di banchina. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Salvagente da viaggio

  1. Fabio ha detto:

    Indubbiamente un bel catalogo lungo quei binari. Certo il fatto che la cittadina dove lavori fosse famosa per il suo manicomio potrebbe essere letto come rigurgito campanilista. Pero’…

    "Mi piace"

    • Pendolante ha detto:

      Non ci avevo pensato. In effetti mi si spiegano molte cose. Per altro l’ex manicomio (imponente ed esteso) è proprio a ridosso dei binari e dicono che molti ospiti, liberati dalla Basaglia, si siano gettati sotto il treno

      "Mi piace"

  2. Stupendo!
    Hai ragione, anche io mi vergogno un po’ in campeggio a girare con la carta igienica, come se dovessi far sapere a tutti cosa sto andando a fare… complimenti quindi al signore imperturbabile!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...