L’alba in stazione

In questo periodo dell’anno il sole sorge in stazione, cogliendo i visi dei pendolari in quello spazio di tempo, tra casa e lavoro, che è ancora terra di nessuno.
Nonostante la folla, la stazione é relativamente silenziosa. Ognuno é chiuso nel proprio spazio, in un habitat privato fatto di pensieri, letture, musiche. Ognuno é restio al risveglio, a lasciare un mondo intimo per abbandonarsi a quello condiviso.

In questo clima il canto intonato dell’addetto alle pulizie, quotidianamente impegnato in brani d’altri tempi, é una nenia che culla; la voce metallica dell’altoparlante uno stridore fastidioso; i frastuoni dei video al plasma un’invasione insopportabile.
In questo panorama dormiente i capannelli di colleghi o studenti si evitano come le ortiche, nel tentativo di ritardare il più possibile l’entrata nel mondo, non solo del lavoro, ma dello stato cosciente.
Si sale sui treni silenziosamente, si cerca un posto che possa essere una cuccia, una tana calda per il viaggio che separa il sé e la socialità.
Breve o lungo che sia il viaggio segna un distacco non solo dalla città in cui si vive, ma anche dalla sfera del privato.
Dormire, leggere, ascoltare musica in auricolari ovattanti, sono le attività più praticate sui vagoni.
Poi, la stazione di arrivo segna il limite di quell’universo e la discesa dal treno sveglia come acqua gelata. Il passo si fa spedito, deciso e solo lì inizia la giornata.

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Vita da Pendolante e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

32 risposte a L’alba in stazione

  1. Sonia ha detto:

    Il nostro sole! Che saremmo senza di lui! Ci viene a scovare addirittura dentro alle stazioni ferroviarie, per baciarci in fronte e augurarci buona giornata! 🙂

    "Mi piace"

  2. Imbrattacarte ha detto:

    Hai descritto perfettamente l’atmosfera che avvolge noi pendolari in queste giornate autunnali.
    Ogni mattina maledico la sveglia e il freddo abbraccio che mi avvolge fuori dalla coperte, salgo sul treno sbuffando e sempre sbuffando scendo e raggiungo a passo spedito l’ufficio. Eppure… eppure leggendo le tue parole mi sono resa conto di quanto anche questo sia bello a modo suo: la quotidianità, i piccoli momenti che puoi ritagliare per te stessa sul treno, è un piacere breve ma ti si appicca addosso. Grazie per avermi permesso di ricordarlo.
    Buona giornata 🙂

    "Mi piace"

    • Pendolante ha detto:

      Non sapevo che anche tu fossi pendolare. Lo spazio del viaggio per me è così importante da essere quasi l’unico momento mio della giornata.

      "Mi piace"

      • aaqui ha detto:

        Confermo. Non cambierei quei momenti per nulla al mondo. A volte all’arrivo vorrei che il viaggio durasse un po’ di più, per permettermi di finire il capitolo, di concludere quell’appunto che sto scrivendo, di far sedimentare quel loop mentale nel quale sono sommerso… insomma, viva il nostro momento.

        "Mi piace"

  3. ladonnacamel ha detto:

    Gran bel pezzo, molto evocativo di atmosfera. Qualche volta mi piacerebbe pendolare, io che lavoro nell’appartamento attiguo a dove abito. Non c’è distacco, non ci sono momenti per me sola e salto in un baleno dalla padella nella brace.
    Poi mi inchino alla ragione dei fatti, con tutto il tempo guadagnato ci vivo un supplemento di vita: spengo il computer, metto la giacca e vado a fare una passeggiata.

    "Mi piace"

  4. ombreflessuose ha detto:

    La stazione è un grande albergo, la porta è sempre aperta e, se arriva un po’di sole,
    l’attesa si addolcisce.
    Grazie, ho riprovato vecchie, bellissime sensazioni
    Un sorriso serale
    Mistral

    "Mi piace"

  5. vagoneidiota ha detto:

    Un passo bellissimo.
    Eric Roberson – find the way

    "Mi piace"

  6. stravagaria ha detto:

    Apprezzo molto il fatto che tu abbia deciso di riproporre questi vecchi “pezzi” perché anche se quando si entra nella community di un blog in corso d’opera ci si guarda sempre un po’ in giro, qualcosa va inevitabilmente perso e questo brano è quasi una poesia. Buona giornata!

    "Mi piace"

  7. Barney Panofsky ha detto:

    Cristo santo, hai trasformato il trantran quotidiano in poesia! Brava, davvero.

    "Mi piace"

  8. gattaliquirizia ha detto:

    è proprio così. lo spazio-tempo necessario a “pendolare” è comre un limbo, un bozzolo in cui rigenerarsi, ciascuno a modo proprio, prima di affrontare il mondo.

    "Mi piace"

  9. Stefano ha detto:

    “nel tentativo di ritardare il più possibile l’entrata nel mondo”… quello che faccio normalmente al mattino, subendo le ire della mia iperattiva dolce metà! 🙂

    "Mi piace"

  10. Vitadapendolare ha detto:

    Proprio questa mattina ho pubblicato sul profilo FB di Vita da Pendolare questa foto: http://on.fb.me/1p9pLav. Un’alba infuocata alla stazione di Livorno. Visto l’orario la foto l’ho scattata per inerzia, perchè ero ancora immersa in quel limbo che separa il letto di casa dalla stazione di arrivo. 😉

    "Mi piace"

  11. Miss Fletcher ha detto:

    Quest’alba in stazione è un quadro davvero ben riuscito, c’è tutto ciò che ci si aspetta di trovare, la luce soffusa, i rumori del mattino, il risveglio lento durante il viaggio, un obloterato davvero suggestivo, brava Pendolante!

    "Mi piace"

  12. tiptoetoyourroom ha detto:

    Bello quando ci si alza prima del sole, si esce prima di lui e non lo si scorge ancora nel mondo. Certo, io che al lavoro ci vado in macchina magari un aiutino per guidare lo vorrei, ma uscire di casa che è ancora buio ha un fascino speciale…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...