Noi due senza domani

Le trainNoi due senza domani (Le train) è un film del 1973diretto da Pierre Granier-Deferre. Il film è una coproduzione italo-francese il cui soggetto è tratto dal romanzo Il treno (Le Train) di Georges Simenon. 

  • Sceneggiatura: Pierre Granier-Deferre, Pascal Jardin
  • Produttore: Raymond Danon
  • Fotografia: Walter Wottitz
  • Montaggio: Jean Ravel
  • Musiche: Philippe Sarde

Tutto il film è intramezzato da immagini di repertorio originali della seconda guerra mondiale. Il treno qui è mezzo di salvezza, di fuga dal conflitto, ma anche luogo dell’incontro, della solidarietà nell’emergenza, nella paura e anche di egoismi. In quel vagone merci nascono e si consumano amori, si intrecciano vite, si festeggia la vita in banchetti improvvisati, danze e liti. E vi si trova la morte mitragliati dalle incursioni aeree. Non avendo letto il libro non posso fare un giusto confronto, sebbene la rete riporti critiche notevoli nello stacco tra i due (film e libro). Sinceramente ho trovato poco appassionate le interpretazioni dei protagonisti e quasi metà del film risulta noioso.

Trama

Nel maggio del 1940, durante l’avanzata nazista in Francia, un gruppo di profughi fugge in treno dai confini del Belgio verso il Sud. Sul convoglio affollatissimo, viaggiano il radiotecnico Julien Maroyer e, in vagone a parte, sua moglie, incinta, e la primogenita. Poco dopo, la carrozza con la donna viene staccata e aggregata a un altro treno. Lungo il viaggio, funesto da incursioni aeree, Julien conosce Anna, una ebrea tedesca sfuggita ai campi di sterminio. Tra i due nasce una storia l’amore la cui fine é segnata dall’arrivo del treno a La Rochelle dove Julien ritrovare sua moglie, che nel frattempo ha dato alla luce un bambino. Dopo tre anni Julien viene contattato dalla polizia tedesca per la sua presunta conoscenza con Anna. All’inizio lui nega ma quando fanno entrare la donna nella stanza, l’amore per lei prevale su tutto, anche sul suo destino ormai segnato.

Interpreti

  • Jean-Louis Trintignant: Julien Maroyeur
  • Romy Schneider: Anna Küpfer
  • Maurice Biraud: Maurice
  • Régine: Julie
  • Nike Arrighi: Monique Maroyeur
  • Serge Marquand: l’uomo con i baffi
  • Paul Amiot: l’anziano
  • Jean Lescot: René
  • Roger Ibáñez: lo straniero
  • Anne Wiazemsky: la giovane madre
  • Paul Le Person: commissario
  • Jean-Pierre Castaldi: il sergente

Inoltre

Il treno di George Simenon

Le train. George Simenon. Adelphi, 2008. € 16,00

Le train è uno dei rari Simenon scritti in prima persona.
Il protagonista si chiama Marcel Féron, ha una figlia di quattro anni, Sophie, e una moglie, Jeanne, incinta al settimo mese. Racconta fatti avvenuti vent’anni prima, nella casa di Fumay, nelle Ardenne (nord-est della Francia), a un paio di chilometri dal fiume Mosa. “Ci tengo subito a dichiarare che non ero un uomo infelice, né tanto meno triste. Anzi, a trentadue anni mi ritrovavo in anticipo su tutti i progetti che avevo concepito, su tutte le mie aspettative”.
Il signor Féron vende e ripara apparecchi radiofonici. Ed è dalla radio che scopre che quella notte, la notte del 10 maggio 1940, le truppe del Reich hanno invaso l’Olanda. Con il passare delle ore, si fanno sempre più numerose le automobili dirette a sud, cariche di tutto ciò che si può trasportare. Anche il protagonista arriva alla certezza che occorra andarsene subito. In treno.

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Il treno nei film e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Noi due senza domani

  1. Sonia ha detto:

    Io di Simenon ho letto “L’uomo che guardava passare i treni” (1938). Bello.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...