Ciclomessaggi

Uno singolare individuo si aggira nei pressi della stazione. Un comunicatore nato che non perde occasione per dire al mondo ciò che pensa degli eventi politici e culturali del momento, o esprimersi come gli garba su argomenti di suo interesse. Per farlo ha scelto un mezzo bizzarro ma efficace: la bicicletta. Percorre il viale della stazione con il suo velocipede dotato di cartello, scritto rigorosamente a mano e bandiera italiana. Più spesso la bici si trova parcheggiata sin dalle otto di mattina, davanti al primo bar del viale. Qualcosa mi dice che per colazione non vada di cappuccino e croissant, ma questa é una mia illazione.
I suoi ciclomessaggi hanno osannato la nascita del Movimento a 5 stelle, esortato gli emiliani terremotati a non mollare e esaltato la sua passione calcistica. Stavolta, da vero esperto di strategie della comunicazione sociale, ha parcheggiato la sua bici al centro della rotonda antistante la stazione e vi ha esposto un cartello più grande del solito. L’argonento é controvetso, ma lui coraggiosamente offre il proprio numero di telefono a chi voglia argomentare; mica si vergogna delle proprie opinioni, lui. Ecco, magari dovrebbe, ma può essere che mi manchi qualche informazione e che il sig. Fulvio sia solo un provocatore…
image

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Ritratti e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Ciclomessaggi

  1. buzzer ha detto:

    …almeno Fulvio parla chiaramente e senza ipocrisia. Recentemente invece ho sentito parlare di ‘cene eleganti’ per identificare la stessa categoria di passatempo… 🙂

    "Mi piace"

  2. lupus.sine.fabula ha detto:

    Dar del pane al pane e al vino al vino, senza imbarazzanti ipocrisie… E bravo Fulvio. Che personaggio esilarante! La realtà ha più fantasia dell’invenzione, e un personaggio del genere potrebbe trovare solo posto in un romanzo comico… 😉
    Complimenti a chi sa cogliere la quotidianità con parole e fotografie… qualunque essa sia.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...