Si va a funghi

Funghi(1)

Grazie QuietMan, scopro che su certi mezzi pubblici spuntano i funghi. Ora, non si tratta di treni bensì di autobus, ma non mi stupirei di trovarne anche in qualche vagone dei miei regionali. L’habitat è l’ideale. Considerando che di funghi sono assai golosa, ho deciso di ispezionare ogni carrozza del mio Regionale alla ricerca di queste prelibatezze o, se più fortunata, di qualche tartufo. Fiduciosa, mi munisco del classico cestino e di un bastone per farmi largo tra rifiuti, gambe e bagagli, o come arma contro probabili animali striscianti. Mentre il treno parte, mi infilo gli stivali di gomma per attraversare il rivolo giallastro che taglia la carrozza in diagonale. La birra è esondata da una bottiglia maltrattata e il suo flusso segue l’inclinazione dei binari. Sono le 7.30 del mattino, ma per alcuni il capuccino è sopravvalutato. Il proprietario della bottiglia è appena stato simpaticamente svegliato dal Capo Treno:《Giovine, non dovevi scendere qui? Fai ciao ciao alla stazione, siamo partiti!》. Il “giovine” manifesta il suo disappunto bestemmiando l’intero calendario dei santi e il Capo Treno, rendendosi conto di una certa indelicatezza nell’annuncio, si scusa di non averlo svegliato prima, ma aveva un treno da governare.
Nel vagone successivo, un pendolare di vecchia data istruisce un neofita sulle doti necessarie per affrontare la vita sui treni:《Ci vuole tempismo e precisione. Ci si alza all’ora stabilita, si ottimizzano le attività del post risveglio e ci si presenta in stazione giusto 5 minuti prima della partenza del treno, se no butti tempo, bello mio. Il segreto è ottimizzare》. Due sedili dopo, ancora niente funghi, ma un tintinnio sospetto proviene da un cartone che ha costretto qualcuno a stare in piedi. 《Non potevo mica metterlo sulla cappelliera》, si giustifica il proprietario mostrandomi una decina di bottiglie di conserva in viaggio verso la sua dispensa. Dono della mamma. Ecco, se mai troverò funghi, ritornerò a chiederne una.
Al quarto vagone inizio a scoraggiarmi, sebbene la mia ricerca non sia stata del tutto infruttuosa. Credo infatti di aver scoperto, nel soffietto di collegamento tra due vagoni una nuova specie di roditore senza coda che, come le nutrie sull’argine del Po, si diletta a scavare buchi nella plastica, causa degli innumerevoli spifferi che investono il viaggiatore in transito tra i due vagoni, come i soffi d’aria di certi padiglioni al lunapark.
Al quinto vagone un passeggero si incuriosisce a sbircia nel mio cestino zeppo ormai di oggetti di ogni sorta, dai tappi di bottigli – scambiati per un attimo per Chiodini – ai resti di panini mummificati con spore di muffa in overdose di salume. Il tizio si complimenta con Trenitalia per questo nuovo servizio di pulizia. “Così folkloristico…”. Non mi perdo in spiegazioni e proseguo fino alla motrice dove, rannicchiato in un cantuccio, c’è un ragazzetto di non più di 16 anni che vive sul treno dalla prima elementare quando, in gita scolastica, si è messo alla ricerca di un bagno libero. Giura che non scenderà finché non l’avrà trovato. 《A me Novecento, mi fa ‘na pippa》.
E finalmente scovo il macchinista che messo al corrente del motivo della mia spedizione, ne ride di gusto e mi assicura che funghi, sul treno, non ne troverò. Li raccoglie tutti lui prima della partenza. E do un nuovo significato all’annuncio “Ritardo nella preparazione del treno”.

funghi-2(1)

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Insalubri Pendolanti, Malaferrovia e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

20 risposte a Si va a funghi

  1. Melusina ha detto:

    No, dai, è troppo bello! Sei fortissima 🙂

    "Mi piace"

  2. Niko ha detto:

    Magnifico questo post…. Eppure mi risulta che 2 sere la settimana le carrozze vengano pulite col Pulivapor.. ma forse anche questa è una leggenda metropolitana 🙂

    "Mi piace"

  3. Fancyhollow ha detto:

    … come Marcovaldo!!! 😀

    "Mi piace"

  4. Gintoki ha detto:

    magari dovrebbero lasciarli crescere i funghi, insomma, sono gli spazzini della natura, magari puliscono più loro

    "Mi piace"

  5. stravagaria ha detto:

    Non ci posso credere… la prossima volta porto la polenta e lo spezzatino!

    "Mi piace"

  6. allora, il like è perché un post scritto così lo merita millemila volte.
    io però sono il solito rompiscatole avvocato di ogni diavolo esistente su questa terra. a me suona come mezza bufala. se non sbaglio i funghi raffigurati sono del genere Pleurotus, i più diffusi a livello alimentare, si producono a livello industriale per coltivazione. dalla foto sembrano proprio loro, da manuale. per crescere hanno bisogno di un ambiente organico (quindi quantomeno del legno, immagino), non certo del metallo, e soprattutto sarebbe curioso capire come abbiano fatto le spore ad arrivare ad infilarsi proprio sotto alla fessura del sedile di un autobus.
    ma sono un rompiscatole, lo so.

    "Mi piace"

    • Pendolante ha detto:

      Non escludo che si tratti di una bufala, io non ne ho mai visti sui treni e credo che gli autobus non siano di legno. Ma mi è piaciuto immaginare questa caccia ai funghi.., magari sono cresciuti su pane raffermo 🙂

      "Mi piace"

  7. Miss Fletcher ha detto:

    Ecco, sui treni ci mancano solo i funghi, eh? Avrei voluto vedere la faccia del macchinista 🙂
    Racconto godibilissimo, brava Pendolante!

    "Mi piace"

  8. pendolo0 ha detto:

    Bellissimo questo racconto! Anche a me e` venuto in mente subito Marcovaldo, ci pensavo proprio pochi giorni fa, quando ho notato dei simpatici funghetti metropolitani nell’aiuola lungo un viale! 😀

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...