Il sabato del villaggio-stazione

image

L’ultima panchina del primo binario è uccupata. L’uomo s’è dovuto accontentare della seconda. Una bottiglia di Sassolino semi-vuota ai suoi piedi. Canta e urla. Urla e canta. Rimescola sempre gli stessi temi: l’amore, la morte, i terroni.
Si accende la sigaretta in mano, senza aspirarla, guardando la fiamma bruciare la carta. Qualcuno lo invita a spostarsi, lo manda a quel paese con un gesto del braccio. Declama con voce impostata, come un teatrante navigato, accompagnando ogni frase con gesti eclatanti.
Sembra un Cyrano senza rima, incattivito, ossessionato da Eros e Thanatos.
Chi l’osserva si porta a casa inviti gestuali alla fallatio.
Presto la stazione si svuoterà di studenti, pendolari del sabato, viaggiatori del fine settimana e lui perderà la sua platea, ma forse non ci farà nemmeno caso.

Terrone: BASTARDO!
CANE!

Tra terrone e terrone, l’amore è più bello…

Hai, hai, hai hai,
cantava mio padre,
mentre moriva

Terrone: BASTARDO! CANE!

Ti ho sempre amato.
Siamo partiti
e la pancia italiana, massacrata
e le teste: zac! Tagliate!

L’arabia, con le sue femmine.
Bellissime!
Massacrate. Zac.
I sopravvissuti, dalla terronia.

Terrone: BASTARDO! PUTTANA!

Questa umanità, spaventata dalle femmine
è scappata, lontana, lontana…

Io, sopravvissuto dell’Ovest
tornerò il re dellEuropa.

BASTARDO, CANE, MUORI!

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Ritratti, Storie di banchina e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a Il sabato del villaggio-stazione

  1. ladonnacamel ha detto:

    Eppure si sente una sincera disperazione nei versi avvinazzati di questo bukowski dei poveri.

    "Mi piace"

  2. stravagaria ha detto:

    Queste situazioni mi mettono sempre disagio e tristezza… Il vino non è un buon compagno d’attesa.

    "Mi piace"

  3. Niko ha detto:

    😀 😀 😀 😀 😀 mi ribalto dal ridere ..

    "Mi piace"

  4. Miss Fletcher ha detto:

    Triste solitudine…tu sei brava a raccontare però, davvero tanto.

    "Mi piace"

  5. dorotea ha detto:

    Mi ha ricordato un personaggio del paese in cui sono nata. Lo si trova solitamente nei mercati settimanali, canta che sembra piuttosto che gracchi. Un suo verso rimasto famoso è “Buttala a mare, tanto non sa nuotare.” Ma non è male neanche quella volta in cui declamò la sua capacità di rimorchiare donne a Rimini, mentre a Sud nemmeno una adducendo come scusa che “a Sud sono tutte puttane!”

    "Mi piace"

  6. Calikanto ha detto:

    Hai visto Stromae, giovanissimo cantante belga, che a Sanremo ha cantato, recitandola benissimo, la sua canzone “Formidable”? Ha detto di averla scritta dopo aver incontrato un personaggio come il tuo. Se te lo sei perso ecco il link: http://youtu.be/V79DL9Z_eCE

    "Mi piace"

  7. Melusina ha detto:

    Ha detto tutto La Donna Camèl. La disperazione della sincerità.

    "Mi piace"

  8. Pingback: Camera con vista | Pendolante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...