La lista

image
(Racconto non pendolare)
Il mattino del quarto giorno fece esattamente quello che aveva fatto i tre giorni precedenti: spense la sveglia con due ore d’anticipo rispetto al solito orario e non dedicò nemmeno un pensiero all’ufficio o ai colleghi, alle prossime scadenze, alle riunioni, ai clienti. Disse alla moglie, che mugugnava tra le coperte, di dormire e si sedette al tavolo della cucina con una tazza di caffè americano e il suo portatile. Si costringeva a bere quella sbobba scura, convinto che il disgusto gli avrebbe provocato un benefico shock, stimolato in qualche modo la mente a reagire. Quando aprì il computer la desolazione della schermata bianca di Word lo sprofondò nello sconforto. Eppure sentiva che quella era la volta buona. Come nelle tre mattine precedenti impostò il numero di battute, 3.600, titolò “Racconto per B.”, si accomodò meglio sulla sedia e con ottimistica intenzione posizionò le mani, pronte a digitare.
Risucchio di caffè bollente, sirena intermittente del camion degli spazzini, ventola del frigo, accensione della caldaia.
Lo screensaver riempì di colori il bianco. Pesci tropicali nuotavano nell’acquario-monitor. Pigiò un tasto. Di nuovo opprimente candore.
Biscottiera, affettatrice, tostapane, cesto con frutta, lista della spesa. Avvicinò il foglio listato a mano e iniziò a copiare:
latte
farina
uova
cipolla
tagliatelle
detersivo piatti
Le dita sciolte in esercizio sforarono la lista scrivendo parole, digitate, battute, scagliate come freccette su un bersaglio.
cena
famiglia
gioia
doveri
lavoro
noia.
Aspettative
disilluse.
Recupero
tempo
perduto.
Sogni
creati
modellati
nell’infanzia.
Tradimento!
Meglio
educare
alla
rinuncia.
Adesso
è
il
tempo.
Manca.
Tempo?
….
Tempo!
tempo
tem..
“Hai fatto il caffè?” Guardò la moglie stropicciarsi gli occhi trascinando ciabatte maculate.
“No. C’è l’americano”
Il tasto Canc si rimangiò la lista al contrario aspirando nere lettere dal foglio che riconquistò il suo bianco.
Salvare le modifiche a Racconto per B.?
NO.

———-

Questo racconto partecipa all’ EDS (Esercizi Di Scrittura) la balena non è un pesce, dell’arcobalenica La Donna Camel.
Queste le regole:
scrivi una storia triste
mettici un pesce
mettici il bianco
stai dentro due cartelle (3600 caratteri)

– Angela con Album di famiglia in un interno. Bianco come il bagno nel mese dei lucci
– WonderDida con Lamento di una giovane morta e con La solitudine del sabato
– Gordon con Caramelle
– Dario con Austinu
– Lillina con Il soffio della vita
– Hombre con Chi s’è mai sognato di mangiare una rondine? e con L’incanutito e la salata immensità e con Neve dai pioppi
– Angela con L’agosto del pesce volante e del pettirosso timido 
– Melusina con Missisipi  e Una mano di bianco
– La Donna Camel con L’occhio del branzino deve essere bianco
Il coniglio mannaro con Diffidenza
Pernosprecareunavita con Le diottrie del sig. Paolo
Calikanto con Minnie
Il pendolo con La favola del pesciolino bianco e del principe pescatore
Gabriele con Peter e la sua Milena
Lillina con Gioie e dolori

Annunci

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Esercizi Di Scrittura e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

42 risposte a La lista

  1. stravagaria ha detto:

    Malinconico secondo le richieste e molto ben riuscito. Mi piace molto l’incipit 🙂

    Mi piace

  2. Melusina ha detto:

    Geniale! Adoro questo pezzo, dice tante cose e le dice benissimo. Ottimo, ottimo.

    Mi piace

  3. vagoneidiota ha detto:

    Bellissimo. Pur non pendolante, il tipo di scrittura rapisce come al solito.

    Mi piace

  4. apierri ha detto:

    Triste , laconico (qui ci vuole), sai la cosa che mi ha impressionato di più e che non riesco a copiarti qui causa iPad bizzoso è quella lista di rumori del primo mattino che rendono il silenzio ancora più malinconico ,come al solito impeccabile ah mi piace anche il risucchio al contrario della lista …

    Mi piace

  5. Calikanto ha detto:

    Iper-reale. Non succede quasi nulla ma già sappiamo tutto del protagonista. Sappiamo molto anche di sua moglie, le sue ciabatte maculate non mentono. Brava!

    Mi piace

  6. Miss Fletcher ha detto:

    Bellissimo, con un ritmo dal quale si riconosce il tuo stile unico!
    Brava Pendolante!

    Mi piace

  7. Wish aka Max ha detto:

    Sono qui ad applaudire, davanti al monitor. 🙂 Molto bello. E bella la conclusione, la stilettata finale, dopo la cancellazione di tutto, la richiesta di salvare.

    Mi piace

  8. ladonnacamel ha detto:

    Una grande interpretazione della vertigine bianca che tutti noi (o molti) abbiamo prima o poi sperimentato. (A parte la vertigine personale di comprarire anche come personaggio, se pure siglato, eh eh)

    Mi piace

  9. the quiet man ha detto:

    Niente male. Anzi, mi piace un bel po’. Complimenti.

    Mi piace

  10. pendolo0 ha detto:

    Bello questo racconto! Il foglio bianco di word a volte e` deprimente… 😀

    Mi piace

  11. lillina ha detto:

    È quel vuoto assoluto che mi prende a volte e che cerco di riempire a casaccio buttandoci dentro cose che rivesto d’importanza per avere una sorta di alibi. Poi per fortuna passa.

    Mi piace

  12. Vanni ha detto:

    molto bello! mi è venuto in mente Shining!
    “Il mattino ha l’oro in bocca”
    🙂

    Mi piace

  13. Hombre ha detto:

    L’originalità paga sempre. E tu riscuoti.

    Mi piace

  14. Dario ha detto:

    Avevo appena letto e risposto a Hombre… poi è arrivato il tuo 🙂

    Mi piace

  15. Pingback: Le diottrie del Sig. Paolo | pernonsprecareunavita

  16. Pingback: La favola del pesciolino bianco e del principe pescatore | Il pendolo

  17. Pingback: Petr e la sua Mìlena | L'inverno del nostro scontento

  18. Gabriele ha detto:

    Conciso e pungente. Mi è piaciuta anche la lista dei rumori mattutini.

    Mi piace

  19. Pingback: Minnie | Tratto d'unione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...