Toreador da parcheggio

Sandrine Belin Denormandie
Sandrine Belin Denormandie. Olé.

Nel parcheggio della stazione manovro per tornare a casa. A piedi la ragazza mi supera dirigendosi impettita verso il sottopassaggio. Colpiscono i suoi lunghissimi capelli neri che sfiorano le natiche. Sembrano pubblicizzare uno shampoo nel loro oscillare. Mentre avanzo a passo d’uomo lei mi da le terga, dritta come un fuso. Poi le spalle le si curvano lentamente, s’ingobbisce sollevando i gomiti all’esterno in posa plastica incomprensibile. L’enigma è presto sciolto dal ragazzo che ci viene in contro dal sottopassaggio: sorride felice guardandola, china la schiena e porta le mani alla fronte a imitare con gli indici due corna. Allunga il passo, quasi corre, testa bassa, piegato verso terra,  mi supera verso la sua bella, già alle mie spalle. Dallo specchietto vedo i due toreare per qualche secondo. Una danza circolare; lui il toro, lei il toreador. Poi si abbracciano.
La stazione è anche luogo di saluti: baci silenziosi, abbracci chiassosi, pacche sulle spalle, urla di gioia, muti passaggi di valige, lacrime … corride.

Annunci

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Storie di banchina e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

21 risposte a Toreador da parcheggio

  1. vagoneidiota ha detto:

    E chissà per quale motivo, ho immediatamente pensato ad Hemingway.
    Ogni volta, con te, una scoperta.
    Da v a v.
    In the waiting line – zero 7

    Mi piace

  2. Calikanto ha detto:

    La corrida ci mancava! E comunque tanto di cappello al giovane maschio moderno che va oltre i cliché e si fa pubblicamente toro (cornuto) per la sua giovane donna, anomalo toreador!

    Mi piace

  3. stravagaria ha detto:

    Devo cominciare a frequentare di più le stazioni 😀 E’ sorprendente come le persone riescano a procursi in piccoli spettacoli estemporanei. La corrida,i man va proprio ma la trovo veramente divertente!

    Mi piace

  4. pendolo0 ha detto:

    uhm… imitare con la giovane compagna un animale con le corna non mi sembra di buon auspicio per la relazione! Ma che incredibile palcoscenico di personaggi surreali sono le nostre stazioni! 🙂

    Mi piace

  5. che bella scena (adesso basta che mi vedono che sorrido)

    Mi piace

  6. Miss Fletcher ha detto:

    Che scena bellissima, grazie alle tue parole sembra di vederli!

    Mi piace

  7. Vitadapendolare ha detto:

    Ma che belle queste scene alla stazione! Se ne vedono tante di dimostrazioni di affetto lungo i binari. Le mie preferite? I nonni che accompagnano i nipotini a vedere i treni (anche se non devono prenderlo, nè aspettare qualcuno) e i bambini che corrono in braccio al papà o alla mamma appena scesi dal treno. Riescono sempre a strapparmi un sorriso!

    Mi piace

  8. ladonnacamel ha detto:

    Ma tutto il bello sta negli occhi che guardano!

    Mi piace

  9. TADS ha detto:

    sicuro fosse una toreada e non il corteggiamento di un toro alla vacca in estro???

    Mi piace

  10. Wish aka Max ha detto:

    Acquerelli. Sei proprio brava, sai, Pendolante… (e ci andava il nome, qui, fai finta che ci abbia messo il tuo nome di battesimo, ok? 😉 )
    Raccontare le scene quotidiane non è da tutti. E mi pare che stai assumendo un tuo stile, riconoscibile e caratteristico. Sempre un piacere, leggerti.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...