Il treno nei libri – Chesil Beach

image

Ian McEvan. Chesil Beach. Einudi, 2007.

C’è al mondo un genere di viaggiatore sicuro di sé il quale non vede l’ora di aprire lo sportello della carrozza un attimo prima che il treno sia fermo, per poter balzare con agilità sulla pensilina. Chissà, forse abbandonando il mezzo prima che abbia completato la corsa, vuole ribadire la propria indipendenza – non è mica un carico inerte, lui. O magari intende corroborare un’impressione di giovinezza o, più semplicemente, va tanto di fretta che ogni secondo è prezioso. Il treno si fermò, un po’ più di scatto del solito, forse, e lo sportello sfuggì alla presa del viaggiatore descritto. Il bordo di metallo massiccio colpì la fronte di Marjorie Mayhew, con sufficiente violenza da fratturarle il cranio e alterarle all’istante il carattere, intelligenza e memoria. Il coma durò poco meno di una settimana. Il viaggiatore, che testimoni oculari tratteggiarono come un distinto uomo d’affari sulla sessantina, con regolamentare bombetta, ombrello e giornale, si allontanò rapido dalla scena – giovane donna, gravidanza gemellare in corso, riversa a terra in mezzo a qualche giocattolo sparso – e scomparve per sempre nelle strade di Wycombe, senza la benchè minima consapevolezza di colpa, o almeno così si sperava, disse Lionel.

[pp. 58-59]

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Il treno nei libri e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Il treno nei libri – Chesil Beach

  1. Miss Fletcher ha detto:

    Mi piace McEwan, non ho ancora letto questo libro ma questo brano è perfetto per la tua rubrica!
    Bacioni cara!

    "Mi piace"

  2. stella scadente ha detto:

    Libro meraviglioso!

    "Mi piace"

  3. Pingback: Estate di Coccolamento 2014 e chiusura per ferie | Ufficio di Coccolamento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...