La bradipa

L’imbronciata s’avvicina e mastica uno “scusa, hai d’accendere?” non particolarmente cordiale. Ha la vitalità di un bradipo e la spende tutta a bofonchiare lamenti sul mondo. Rifornita d’accendino mi gira le spalle, dà fuoco alla sigaretta, poi mi rende il Bic senza proferire verbo e a me parte l’automatismo d’un “grazie” per la restituzione che nemmeno sente. S’inoltra sulla banchina tra la gente, mastica borbottii, sputa sentenze incomprensibili, ma il flusso delle sue parole non supera la flemma dei suoi passi. Vive al rallentatore tra l’andirivieni dei viaggiatori. Guardarla è come assistere alla scena di un film dove tutti sfrecciano lasciando scie tranne il protagonista, immobile.
Mi riaccalappia all’arrivo del treno per accertarsi che la condurrà a destinazione. “Va a Bologna questo?” Così, una domanda per nessuno in particolare, scagliata, gettata tra la gente, ma pure lei sembra buttata lì a caso. Poi saliamo in vagoni stipati e la perdo di vista scavalcando valige e gambe. Dinamiche strane riempiono e svuotano i treni in orari e giorni non sospetti e in due fermate la metà della carrozza si è liberata dei passeggeri e la rivedo, seduta a poca distanza. Non fa nulla. Non guarda, non parla, non ascolta. Un sacco vuoto su un sedile, ma appoggiato con cura, per non stroppicciarsi. Mi ostino per un po’ a fissarla per cogliere un cambiamento, ma alla fine rinuncio, presa da un senso di disagio, come se violassi lo spazio vitale di qualcuno senza protezione.

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Ritratti e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

19 risposte a La bradipa

  1. Melusina ha detto:

    Gran bel ritratto, che dice più di quanto sembri.

    "Mi piace"

  2. cinziarobbiano ha detto:

    bella descrizione, anche il ritmo è bradipo…pare di vederla, la bradipa 😉

    "Mi piace"

  3. stravagaria ha detto:

    Ho un déjà vu… non è che ti questo brano ti era scappata un’anteprima qualche tempo fa, finita incompleta nelle mie notifiche mail ed accuratamente rimossa dal blog come post introvabile…? No, perchè se no contatto un medico subito subito…

    "Mi piace"

  4. tiptoetoyourroom ha detto:

    Anch’io me lo ricordavo e mi era già piaciuto non finito. Ora che è confezionato a puntino riconfermo la prima impressione.
    Ciao 🙂

    "Mi piace"

  5. Pingback: veramente un coglione | ammennicolidipensiero

  6. Miss Fletcher ha detto:

    Un racconto perfetto…anch’io ho pensato che gli hai proprio dato il ritmo più consono!

    "Mi piace"

  7. Topper ha detto:

    E’ come se me l’avessi fatta vedere, la bradipa. Mi piace molto osservare la gente quando viaggia, anche per questo ho apprezzato questa descrizione.

    "Mi piace"

  8. vagoneidiota ha detto:

    Tele su tele.
    I tuoi colori sono infiniti.
    Jill scott – comes to the light
    Da v a v

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...