Il computatore

image
Appollaiata sullo sgabello del bar della stazione, mi concedo il primo caffè della giornata. Non ho particolarmente fretta di arrivare al lavoro e temporeggio, filtrando il mondo attraverso la vetrata. Ma lo sguardo inciampa sull’uomo in trench, seduto, senza consumazione. Ha superato di sicuro la soglia del pensionamento e ha l’aria stropicciata di chi ha dormito poco e forse dorme poco da una vita. Ha occupato un tavolo. L’ha apparecchiato di carte, astuccio, calcolatrice e un quaderno pieno di cifre da verificare. Con la sinistra tiene il segno sul foglio, con la destra digita numeri e matematici segni sulla calcolatrice. Ad ogni risultato sul display ne verifica la corrispondenza su carta, appunta con la matita, riprende da dove ha lasciato. Ogni volta che qualcosa non gli torna, il suo volto si segna di marcate espressioni: meraviglia, disappunto, sconforto, poi rassegnazione. Borbotta silenziosamente, allarga le braccia, gesticola. Ricomincia. E mi chiedo cosa debba far quadrare: una contabilità domestica che la pensione non riesce a coprire, un’azienda famigliare lasciata a eredi inaffidabili, le perdite e vincite al tavolo di scala 40, scopone scientifico, briscola… E magari la moglie non lo deve vedere, non lo deve sapere. E magari una moglie non ce l’ha più o non ce l’ha mai avuta. E non ha avuto figli e ne ha avuti cinque e ha mille fratelli e non ne ha nessuno…
Poi il tempo scade, la tazzina è vuota, devo andare. Fuori dal bar, con inversa prospettiva, cerco di filtrare l’uomo attraverso la vetrata, ma quella mi beffa, è oscurata, fa da specchio e riflette solo la mia immagine di pendolare che forse va al lavoro o magari no, ha un marito ed è nubile, ha due figli o nessuno, ha sorelle, fratelli, è figlia unica….

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Ritratti e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

31 risposte a Il computatore

  1. pani ha detto:

    mi pare di vedere il Tenente Colombo

    "Mi piace"

  2. stravagaria ha detto:

    qualunque cosa stia facendo sembra ne abbia per molto, forse lo ritrovi al tuo ritorno…

    "Mi piace"

  3. Hombre ha detto:

    riflessioni

    "Mi piace"

  4. Miss Fletcher ha detto:

    Eccolo lì, il computatore, non potevi farne un ritratto migliore!
    E come dicevo, cosa vuoi che siano 5 foto per te, mi odierai per tutta la vita, lo so 😉

    "Mi piace"

  5. Tratto d'unione ha detto:

    In un vortice di possibilità possiamo smarrirci nel mare della quantità… ma sembra che il naufragar ti sia dolce in questo mare 🙂

    "Mi piace"

  6. Topper ha detto:

    Qualsiasi cosa stesse facendo, mi ha trasmesso tenerezza.

    "Mi piace"

  7. Vitadapendolare ha detto:

    Ma che bellino quest’ometto! Spero tanto che stesse organizzando qualche gita tra amici o che, come suggerivi tu, stesse facendo quadrare i conti della scala 40 o della briscola. Concondo sulla tenerezza che trasmette. 🙂

    "Mi piace"

  8. lacantatricecalva ha detto:

    Mi ricorda mio nonno. Aveva frequentato solo le elementari e si vergognava di non avere una bella calligrafia e di non saper scrivere ortograficamente bene. Così la sera prendeva un quaderno e copiava dei testi che aveva letto e che gli erano piaciuti. Ecco, voglio pensare che l’omino sia lì a risolvere quel maledetto rompicapo che ha trovato sul quaderno del nipote e che la sfida sia con se stesso e con le operazioni da risolvere, proprio lì in quel bar e che tu ne sia stata testimone.

    "Mi piace"

  9. tiptoetoyourroom ha detto:

    Sono di sicuro vincite e perdite dello scopone. O, per lo meno, a me piace immaginare così…
    Ma sei figlia unica? 😉

    "Mi piace"

  10. Aldievel ha detto:

    Leggo in ritardo a causa di una trasferta…
    Bel post, molto bella la descrizione del vecchietto.
    Brava!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...