Ballata di un soldato

bigi5334331ec2b7eBallata di un soldato (Баллада о солдате [Ballada o soldate]) Film sovietico del 1959. Diretto da Grigori Chukhrai.

  • Sceneggiatura: Grigori Chukhrai, Valentin Ezhov
  • Fotografia: Vladimir Nikolayev, Era Savelyeva
  • Montaggio: Mariya Timofeyeva
  • Musiche: Mikhail Ziv
  • Scenografia: Boris Nemechek

 

La voce fuori campo che introduce e conclude questa pellicola è la stessa dei film di Don Camillo, uguale è anche la struttura narrativa: scorci di campagna in bianco e nero, una donna con lo scialle scruta l’orizzonte di una pianura a perdita d’occhio. Potremmo essere in Emilia. Poi inizia la storia, si va al fronte e i soldati sono russi, ma poco importa qui: “aveva il tuo stesso identico umore ma la divisa di un altro colore“. Il diciannovenne Alyosha chiede e ottiene, come premio per un’impresa eroica, di tornare  a casa dalla madre per due giorni. E il lungo viaggio è in treno e sul treno incontra molte persone e nell’aiutarle ritarda, perde le coincidenze, e s’innamora pure. In un carro merci. E il tenente che lo fa salire di nascosto ha la voce di Carlo Romano, il doppiatore di Fernandel nei Don Camillo. E allora sembra di essere nel Mondo Piccolo, ma siamo in Russia e la storia è di un’umanità toccante, in modo calcato forse, ma va bene lo stesso. Bellissimi i paesaggi e la fotografia, bravi gli attori. Insomma, a chi piacciono i vecchi film, lo consiglio.

La ballata di un soldato ha vinto il David di Donatello per il Miglior Film Straniero (1960), il BAFTA per il Miglior Film Internazionale (1962) e il Prix de la Meilleure Participation al Festival di Cannes (1960). Candidato all’Oscar alla migliore sceneggiatura originale.

Trama

8009833024582Durante la seconda guerra mondiale il giovane soldato russo Alyosha si è guadagnato una medaglia per un’azione eroica compiuta al fronte. Invece della medaglia il ragazzo chiede qualche giorno di licenza per andare a trovare la madre e aggiustare il tetto della loro casa. Il viaggio è difficile in un paese in guerra e l’unico mezzo possibile è il treno. Molti convogli, stazioni, banchine e incontri con soldati e civili. Su un merci Alyosha incontra Shura e durante il lungo viaggio i due s’innamorano, ma arrivata a destinazione la ragazza prenderà la sua strada. Giunto finalmente a casa, Alyosha ha appena il tempo di abbracciare la madre e già deve tornare a combattere per la guerra dalla quale non tornerà.

Interpreti

  • Vladimir Ivashov: Alëša
  • Zhanna Prokhorenko: Shura
  • Antonina Maksimova: madre di Alëša
  • Nikolai Kryuchkov: generale
  • Yevgeni Urbanskij: Vasja, l’invalido
  • Elza Lezhdey: moglie di Vasja
  • Aleksandr Kuznetsov: guardia del treno
  • Yevgeni Teterin: tenente del treno
  • V. Markova: Liza, moglie di Pavlov
  • Vladimir Pokrovskij: padre di Pavlov
Annunci

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Il treno nei film e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

16 risposte a Ballata di un soldato

  1. “potremmo essere in emilia” è una perla.

    Mi piace

  2. stravagaria ha detto:

    È così: ritroviamo volentieri qualcosa che ci appartiene anche in contesti lontani. Interessante segnalazione…ormai mio marito sa che se gli chiedo di recuperare film che in qualche modo parlano di viaggi in treno la colpevole sei tu 😀

    Mi piace

  3. Miss Fletcher ha detto:

    Ma dai, la voce di Don Camillo, non ci posso credere!
    No, questo film non lo conosco proprio ma devo dire che in generale non mi ricordo di aver mai visto film sovietici. Ci penso eh…
    Baci cara, quanti sono i film dove si trovano viaggi e treni!

    Mi piace

  4. Topper ha detto:

    C’è stato un tempo in cui film come questo mi hanno appassionato. Ho visto cose che oggi non potrei rivedere. Chissà domani.

    Mi piace

  5. the quiet man ha detto:

    Film bello e commovente. Si sa che i russi, Putin a parte, sono un popolo romantico. Fa parte di un breve periodo del cinema sovietico che di solito si definisce “del disgelo”. Una parentesi di speranza successiva alla morte di Stalin durante la quale alcuni registi girarono film di buona qualità , affrontando temi anche complessi mostrando un paese ancora devastato dalla guerra e in condizioni socialmente difficili, a dir poco. Il più famoso di questi film è “Dove volano le cicogne” che credo abbia vinto la Palma d’oro a Cannes. Purtroppo già all’inizio dei ’60 Kruscev, poi ancora più duramente Breznev, chiusero questa piccola stagione di relativa libertà, e il cinema sovietico visse un lungo periodo di oblio, se si esclude il clamoroso talento di Tarkovskj (si scriverà così?), che però dovette riparare all’estero.

    Mi piace

  6. the quiet man ha detto:

    Chiedo venia tovarich, il mio russo è un po’ arrugginito .

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...