Eau de train

S’accomoda come fosse sulla poltrona di casa, spossata. Non si toglie le scarpe per educazione, ma è chiaro che la tentazione c’è. S’allarga sui sedili a fianco appoggiando borsetta e una serie di borse di carta nuove, gonfie di merce, con stampe di varie catene di abbigliamento, probabile bottino di una giornata di shopping.
Non perde tempo in convenevoli e prima ancora che il treno parta, sfila dal mucchio un sacchetto di una nota profumeria, ne estrae una serie di fialette, campioni di profumo e li stende sul tavolino porta oggetti. Mi suona un campanello d’allarme che diventa sirena quando svita il primo tappino e con gesto abile, da esperta consumatrice del prodotto, se ne versa una goccia sul polso. Un profumo intenso e dolciatro si diffonde nell’aria, mentre la donna sventola la mano per farlo evaporare e si odora poi la pelle ad occhi chiusi. Una leggera smorfia di disappunto le storce la bocca. Getta la fialetta nel cestino del treno e passa poi alla seconda, a ripete l’operazione sull’altro polso. Di nuovo un profumo pungente che si mescola al primo ancora nell’aria. Questo sembra andare in contro ai suoi gusti e sorride compiaciuta. Il mix di odori è micidiale e il senso di soffocamento è amplificato dal calore del riscaldamento. Inizio a dare segni di cedimento e quando mette mano alla terza confezione, con dispositivo a spruzzo, testandola sul dorso della mano, guardo inorridita i campioni che ancora attendono di essere provati. Io che non sopporto nemmeno l’odore dell’arbre magique, scappo letteralmente in un altro vagone chiedendomi quale lembo di pelle intenda ancora irrorare.

Annunci

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Insalubri Pendolanti, Storie di treno e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

28 risposte a Eau de train

  1. stravagaria ha detto:

    Mi accodo con una certa sollecitudine! Neppure io restisto ai profumi intensi e le miscellanee da profumeria mi fanno venire il mal di testa. Risultato: uso pochissimo il profumo e quando raramente lo faccio solo qualche goccia. Fosse per me le profumerie chiuderebbero in blocco 😉

    Mi piace

  2. cinziarobbiano ha detto:

    ti avrebbe chiesto di porgerle la mano… 😉

    Mi piace

  3. tiptoetoyourroom ha detto:

    Ti prego, dimmi che prima di scappare l’hai almeno guardata malissimo. Io odio quasi tutti gli odori, se poi sono sintetici non ne parliamo. Certo che, in ogni caso, anche se non sei circondata da gente di naso sensibile, non è proprio educato fare i comodi propri in luogo pubblico in mezzo agli altri… Non sai se poi uno di quei profumini del cavolo le ha provocato una bella irritazione?

    Mi piace

  4. Aldievel ha detto:

    Io avrei iniziato a vomitare dopo il primo campione. Maledetta vanità… Le budella d’agnello puzzano meno di certi profumi.

    Mi piace

  5. the quiet man ha detto:

    Sono basito. Dopo tanti post…maleodoranti arriva questo turbine di essenze e tu te ne vai. Incontentabile.

    Mi piace

  6. Miss Fletcher ha detto:

    Presto, via tutti da quel vagone! Come ti capisco, cara.
    Ma come si fa in un ambiente chiuso a fare dei numeri del genere?
    Io sono quella che scappa dalle commesse dei grandi magazzini, sai quando vogliono farti provare un nuovo profumo?
    Ecco, una volta però non ce l’ho fatta, ero a Parigi e un intraprendente commesso mi ha completamente avvolta in una nuvola di profumo 😦
    Me lo ricordo come se fosse ieri. Sorrideva, lui.

    Mi piace

  7. Gintoki ha detto:

    Non oso pensare a fine test quale fosse il risultato odorifero che spandeva la signora

    Mi piace

  8. Annibale ha detto:

    Si sentiva proprio a casa sua questa …

    Mi piace

  9. tiZ ha detto:

    scappaaaaa: mal di testa evitatO !!

    Mi piace

  10. foxcola ha detto:

    voi almeno potete cambiare carrozza, non sapete quante volte tra profumi e “odori meno gradevoli” faccio la controlleria quasi in apnea 😉

    Mi piace

  11. pendolo0 ha detto:

    Un mix nauseabondo che si aggiunge al gia` ricco bouquet a disposizione delle esigenti narici del pendolare, in cui spicca l’inconfondibile retrogusto di piedi con un tocco di ascella e varie essenze di umanita`… 😦

    Liked by 1 persona

  12. Lisa Agosti ha detto:

    Sono come te per quanto riguarda i profumi! Quando passo dal duty free non riesco mai a provare i profumi perché non sopporto di doverli annusare per tutto il viaggio, e quando vado dal parrucchiere chiedo sempre che non mi mettano la lacca nei capelli!

    Mi piace

  13. ilmiosguardo ha detto:

    Alcuni profumi fanno venire effettivamente il vomito, soprattutto (per me) quelli troppo dolci.
    Ma se potessi scegliere, tra estratti di piede, ascelle con sudore stagionato, effluvi della ritirata o gente …incontinente, preferisco senza dubbio i profumi sintetici. 🙂

    Buon fine settimana, magari all’aria aperta e al sole 😀
    un sorriso
    Ondina

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...