Gli obliterati: L’uomo in beige

image

Accodato sulla piattaforma tra i due vagoni, in attesa per la discesa, un uomo. Quarantenne, forse, completo beige, di lino, cadente, spiegazzato. Appeso alla cintura un astuccio porta cellulare, in pelle, liso, non più nero. A terra una ventiquattrore e una valigia porta campioni. Nuova questa. Ha la chierica, il ventre sporgente, una larga chiazza di sudore sulla schiena e l’aria di chi ci prova, davvero ci prova, ma non riesce a concludere nulla.
[… continua a leggere]

Annunci

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Ritratti, Storie di treno e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Gli obliterati: L’uomo in beige

  1. vagoneidiota ha detto:

    Più ti leggo, più ti rileggo.
    Più dipingi, più ti guardo.
    E sono grandi le tue tele.
    Oh, se sono grandi.
    Zero 7 – passing by

    Mi piace

  2. Miss Fletcher ha detto:

    Perfetto, una fotografia davvero reale.
    Brava Katia!

    Mi piace

  3. Tratto d'unione ha detto:

    E’ proprio un uomo beige, apparentemente innocuo ma in assenza di altri colori ansiogeno.

    Mi piace

  4. stravagaria ha detto:

    Questo mi sa che me l’ero perso! Vedi che gli obliterati servono!?! Comunque a volte vien voglia di porgere un fazzoletto bianco di bucato per tergere quel che le giornate lasciano addosso a inconsapevoli compagni di viaggio. Vien voglia ma poi passiamo oltre…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...