Self service

image
In assurdi inseguimenti di orari ferroviari, la partenza è anticipata dall’arrivo in ritardo del treno precedente. Diverso dal solito convoglio. Ganci sospesi porta biciclette, vagoni uniti da snodi flessibili, niente porte a ghigliottina, file di seggiolini allineati come in metropolitana, lungo il perimetro dei vagoni. Aria condizionata funzionante persino. Valuto seriamente d’alzarmi un’ora prima ogni giorno per per salire su questa meraviglia.
I pendolari, sempre quelli.
La bionda sta annoiata con le spalle al paesaggio. Accavalla gambe nude che poi liscia con la mano. Disapprova con evidente smorfia. Estrae una scatoletta dalla borsa e la apre con un gesto, ci tuffa la mano che si unge di crema. La spalma con metodo sul polpaccio destro. Ripete più volte l’operazione, pescando dal solito barattolo appoggiato sul sedile. Intenta a immortalare l’operazione, mi accorgo di una mano estranea. La vicina, approfitta dell’unguento abbandonato, si serve non vista. È fuori dal display del cellulare che la vedo annusarsi le dita e pulirle sul braccio opposto con disctezione.

Annunci

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Storie di treno e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

40 risposte a Self service

  1. quarchedundepegi ha detto:

    Una foto come questa è piuttosto “terribile”.
    Bisogna proprio essere pronti. Complimenti.
    Buona giornata.
    Quarc

    Mi piace

  2. Barney Panofsky ha detto:

    La foto e’ da Pulitzer!

    Mi piace

  3. stravagaria ha detto:

    Stai diventando una vera paparazza d’assalto 🙂 pronta a cogliere lo scoop in ogni momento! L’umanità è davvero buffa, chissà cosa direbbe la “ladruncola” se sapesse che oltre alle telecamere di sorveglianza ora deve guardarsi dalla temibile pendolante?!

    Mi piace

  4. pendolo0 ha detto:

    Quando si dice cogliere l’attimo… ma che abitudini strane hanno questi pendolari: chi si spalma la screma, chi la ruba… ci vorrebbe davvero uno studio antropologico-ferroviario!

    Mi piace

  5. rodixidor ha detto:

    Era solo un test self come agli scaffali delle profumerie 🙂

    Mi piace

  6. Miss Fletcher ha detto:

    Ma Katia, grande! Uno scatto così potevi farlo solo tu, veramente notevole.
    Certo che resto della mia opinione, in treno solo pantaloni o gonne lunghe, ecco.
    Bacioni cara!

    Mi piace

  7. sabato83 ha detto:

    Wow!! Veramente una foto stupenda. E’ veramente difficile immortalare scene del genere 😀

    Mi piace

  8. tiZ ha detto:

    nOo hhahah. assurdO !

    Mi piace

  9. ff0rt ha detto:

    Ladro di attimi!

    Mi piace

  10. 17lastella ha detto:

    ahahaha non ci posso credere! Fantastiche!

    Mi piace

  11. Guido Sperandio ha detto:

    SCOOP!
    Niente da aggiungere, mi unisco al coro.

    Liked by 1 persona

  12. tiptoetoyourroom ha detto:

    Ma pensa te! E dalla foto sembrerebbe anche una personcina tutto sommato distinta. Discreta non direi…

    Mi piace

  13. mazzamerije ha detto:

    ….vedi? prendi un treno con qualche comodità in più e subito scopri altri rischi!!
    Non si può mai star tranquilli in treno.

    Mi piace

  14. pani ha detto:

    mancava solo che si facesse la ceretta

    Mi piace

  15. Questa è davvero spettacolare, complimenti! 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...