In comune senso di marcia

2015-08-04_23.19.26Uno di fronte all’altra superano forse la settantina, ma non viaggiano come coppia anziana solitamente viaggia, con quell’abitudine a stare vicini che rende scontata la presenza dell’altro, con comunicazioni intermittenti di informazioni essenziali, con cenni compresi e allusioni afferrate di un linguaggio condiviso. Parlano. Senza usare il dialetto. Si raccontano del quotidiano, di relazioni e dinamiche amicali e famigliari di chi non ha una vita passata condivisa, ma con l’intimità di chi sul treno ci è salito assieme. Lui, attento, le sorride di un sorriso franco, anche quando restano in silenzio. La osserva compiaciuto come cosa bella da guardare. Non si distare mai. Lei lo lascia fare, più contenuta forse, ma ben disposta, con compostezza dovuta, senza civetteria, ma compiaciuta. Sono l’una per l’altro su quel treno. Una coppia non d’amore antico, ma che viaggia assieme, nello stesso senso di marcia.

Annunci

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Storie di treno e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

22 risposte a In comune senso di marcia

  1. romolo giacani ha detto:

    Bell’imaggine. La cosa bella è che per farlo uno dei due (sicuramente lei) accetta di buon grando di viaggiare “contro il senso di marcia”!

    Mi piace

  2. quarchedundepegi ha detto:

    Chissà se l’intesa è perché sono sposati o perché non lo sono?
    Buon pomeriggio.
    Quarc

    Mi piace

  3. Guido Sperandio ha detto:

    Quadretto perfetto, osservatrice perspicace, copertura da pendolare in realtà indefettibile intrusa.
    Pardon, volevo dire: infiltrata.
    Stavo per dimenticare un particolare irrilevante ma che già che ci sono ti spetta: scrivi bene.

    Mi piace

  4. Wish aka Max ha detto:

    Forse già l’ho postata, in questo caso mi scuserai… è una poesia di Vivian Lamarque

    SE SUL TRENO

    Se sul treno ti siedi
    al contrario, con la testa
    girata di là, vedi meno
    la vita che viene, vedi
    meglio la vita che va.

    Mi piace

  5. Miss Fletcher ha detto:

    Intesa e complicità, bel ritratto Katia, ha ragione chi ha detto che scrivi davvero bene, già lo sai che lo penso!

    Mi piace

  6. stravagaria ha detto:

    Le coppie di anziani mi affascinano sempre. Se ne vanno in giro traballando e sorreggendosi a vicenda, almeno loro due sono seduti…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...