Vite in viaggio: La donna in rosso

imageEra stata una bimba timorata. Di suo padre, di sua nonna, della maestra, del prete, di Dio.
Di sua madre anche, occasionalmente.
L’autorità le toglieva il fiato come la pressione in alta montagna, ma lei nemmeno in pianura si liberava dell’affanno: che fosse sola o meno si sentiva perennemente osservata e giudicata. L’aveva mangiata, bevuta, ingoiata, interiorizzata l’autorità, e mai espulsa. Semmai sia possibile espellerla. Era una bambina remissiva e in modo istintivo capiva che questo l’aiutava. Vedeva il fratello dibattersi come un forsennato per ribellarsi, patirne le conseguenze, e comunque sottomettersi, e si riteneva fortunata nel non avere moti indipendentistici.
Passava i pomeriggi dopo scuola nel negozio di sartoria che la madre gestiva con la zia. Le piaceva guardare i rotoli di stoffa sugli scaffali dispiegati davanti alle clienti e diventare abiti tra le mani di sua madre. Vedeva i tagli precisi che la zia faceva sui tessuti, gli spilli, le imbastiture, le prove. Osservava le stoffe appese sui manichini abbozzare prima e definire poi le forme delle donna che avevano ordinato gli abiti e si divertiva a indovinarne i visi, la condizione, il carattere persino.
La madre e la zia sostenevano solennemente che molto delle donne si può giudicare in base ai tessuti che scelgono, ai disegni stampati, e soprattutto alle tinte. E la certezza dell’infallibilità di questa deduzione era alla base del loro comportamento con le clienti. Mai scortesi, potevano diventare però di una freddezza scostante con una donna che aveva scelto un tessuto “sbagliato”, ma mai le aveva viste così severamente algide come con la “donna in rosso” – così l’avrebbe sempre ricordata. Era entrata nel negozio un pomeriggio tardi e aveva guardato i rotoli di stoffa con delusione fino a richiedere espressamente un tessuto rosso. Le due sorelle si era impietrite come davanti al diavolo e subito l’avevano mandata, troppo piccola per capire, nel retrobottega con l’ordine di non uscirne. Le madre aveva recuperato la stoffa rossa dallo scaffale più alto e buio della sartoria, mentre la zia accostava con discrezione le tendine della vetrina.
Dalla porta socchiusa del ripostiglio, lei aveva osservato il sorriso della cliente trasformarsi, lasciando la cordialità per un orgogliosa, beffarda sfida. La testa alta, non aveva ceduto di un passo dai suoi propositi e aveva ordinato il suo abito rosso con fermezza, imponendo anche modifiche sulla sobrietà del modello proposto.
Ancora non lo sapeva, ma fu in quel momento che uno spillo di ribellione le s’infilò dentro a segnare il limite di un orlo che avrebbe imbastito pazientemente e silenziosamente nel tempo; un limite molto più alto di quello imposto fino a quel momento da suo padre, sua nonna, della maestra, del prete, da Dio.
Da sua madre anche, non proprio occasionalmente.

Annunci

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Vite in viaggio e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

28 risposte a Vite in viaggio: La donna in rosso

  1. stravagaria ha detto:

    Stupendo racconto, ricco di belle immagini! Brava Katia!

    Mi piace

  2. Guido Sperandio ha detto:

    E la bambina timorata diventata grande, votò PC (che non sta per Personal Computer, ma Partito Comunista Italiano).

    Mi piace

  3. rodixidor ha detto:

    Fino a metà lettura ho pensato la ragazza timorosa fosse la donna in rosso, anche per la sua postura nella foto. Poi il racconto mi ha detto altro riguardo alla ragazza mandata nel retrobottega. Però nel finale sono tornato alla idea primaria. 🙂

    Mi piace

  4. ma la collana?!?! non mi dici niente della collana?!?! 😀

    Mi piace

  5. Miss Fletcher ha detto:

    Splendido racconto, da un abito e un colore hai immaginato e ricostruito una vita intera.
    Davvero molto bello, bravissima!

    Mi piace

  6. Bisus ha detto:

    Bello! E te lo dice una che i racconti non li ama tanto, eh!

    Mi piace

  7. Fancyhollow ha detto:

    Bravaaaa!!! Incredibile l’ispirazione suscitata dalla dirimpettaia di seggiolino… che viaggio!😉

    Mi piace

  8. Elena ha detto:

    Che bel pezzo! Non riguarda il pezzo ma complimenti per il coraggio del vestito rosso, io ormai da anni non mi sento più a mio agio con i colori vivaci!

    Liked by 1 persona

  9. Alessandra ha detto:

    Bello. Bello bello bello, veramente bello.
    Mi sa che oggi sono a corto di aggettivi… o forse non ce ne sono altri per rendere quanto hai fatto.
    Ciao 🙂

    Mi piace

  10. Tratto d'unione ha detto:

    Che piacere leggerti seguendo un filo da sarta. Bello questo fantasticare 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...