Viaggiatrici multimediali

IMG_0465Concentrante tutte e tre nell’ascolto di una versione femminile live di Hallelujah, l’aprirsi della porta scorrevole dello scompartimento dell’Intercity, non le turba minimanete. Più preoccupati noi che entriamo nel constatatre che non hanno nessuna intenzione di spegnere lo smartcoso. Istintivamente ci accomodiamo silenziosamente per non disturbare le tre viaggiatrici in religioso ascolto, mentre ci guardiamo perplessi col sospetto che non sia così che dabbano andare le cose. Ancora qualche minuto e la musica viene spenta. Le tre si lanciano immediatamente nel commento della performance della cantante, evidentemente concorrente di un realty. Poi, con una connessione che mi sfugge, passano a parlare d’altro: “Quel profumo mi rappresenta in toto… I profumi identificano molto una persona, per questo non regalerei mai un profumo… Ad esempio Fahrenheit – quello con la confezione rossa – mi fa pensare ad un uomo di un certo tipo… distinto!”
Nel caso non siate quel tipo d’uomo quindi, guardatevi bene dal compralo.
E di nuovo il cambio d’argomento non segue un filo logico: “Ha fatto un incidente, ha battuto la testa… Il cervello sull’asfalto…” Guardo mia figlia accanto a me per assicurarmi che non stia scoltando. Tranquillizzata mi rimetto in ascolto delle tre amiche fissando quella lato finestrino che gioca con una miniatura dei Minions.
“È morto in ospedale… Mi ha fatto una tristezza… Come non sai chi è? Vai su Facebook a vedere la foto…”
Qualche secondo di silenzio, poi l’ovvia [?] conclusione: “Certo, non c’era Derek Shepherd* che lo poteva operare!”

*[Neurochirurgo protagonista della serie TV Grey’s Anatomy]

Annunci

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Storie di treno e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

24 risposte a Viaggiatrici multimediali

  1. stravagaria ha detto:

    Oh my God! Magari Derek Sheperd potrebbe far qualcosina anche per il loro… di cervello.

    Mi piace

  2. Tratto d'unione ha detto:

    Problemi di cervello in quel gruppetto!

    Mi piace

  3. rodixidor ha detto:

    però tanto carina la viaggiatrice col foulard a cuoricini d’oro 😉

    Mi piace

  4. Miss Fletcher ha detto:

    Ecco, vedi, io durante i viaggi ascolto sempre la mia musica così mi perdo queste conversazioni.
    Per fortuna mia!

    Mi piace

  5. roceresale ha detto:

    Che poi quella canzone sia anche una delle sette meraviglie, però, avrei dovuto leggere solo l’incipit.

    Mi piace

  6. romolo giacani ha detto:

    E poi se c’era Derek magari c’era pure Meredith! ^_^

    Mi piace

  7. the quiet man ha detto:

    Apprendo con piacere di essere un uomo…distinto. Qualsiasi cosa significhi.

    Mi piace

  8. Lisa Agosti ha detto:

    Meno male che non c’ero io, che non avendo mai visto Gray’s Anatomy magari mi segnavo pure il nome sulla Moleskine, sai può sempre servire il nome di un buon dottore… ^^

    Mi piace

  9. mizaar ha detto:

    che peccato, la meglio gioventù! 😦

    Mi piace

  10. foxcola ha detto:

    😂😂😂😂

    Mi piace

  11. massimolegnani ha detto:

    Ma l’ascolta dell’halleuja, per quanto in versione femminile mi fa rivalutare le tre dalle scemenze successive.
    ml

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...