Nel bel mezzo di una gelida attesa

 Fumo di sigaretta mischiato con la nebbia. Pochi i viaggiatori sui binari, l’orario pendolare è già passato. Il treno perso in secondi di ritardo nel parcheggio. Minuti di attesa in banchina. Freddo. Gente. 

Seduta in panchina toglie gli auricolari la ragazza, ascolta la richiesta di un estranea e regala un klinex con un “prego.” 

L’uomo, solcando il marciapiedi avanti e indietro, mitraglia “no” nel cellulare; una raffica in crescendo impressionante. In una sola sillaba risalta dall’intonazione prima sorpresa, poi sconforto e negazione.

Al limite della linea gialla, trabocca musica dagli degli auricolari. Ascolta Umberto Tozzi un ragazzino: anacronismi e acuti in “Gloria”, di primo mattino. 

Appare un treno in curva all’orizzonte. Frena, rallenta, ferma in stazione. La porta è bloccata dall’interno, dal binario la apre un pendolare. Un “grazie” e scende il passeggero, un sorriso e sale il viaggiatore.

La donna arriva in corsa dal sottopassaggio. S’affanna per recuperare spazio in tempo. Si chiude il treno. Resta fuori. È perso!

Fumo e nebbia. Pochi i viaggiatori. L’orario è già passato. Ritardo nel parcheggio. Minuti di attesa. Freddo. Gente. 

Annunci

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Vita da Pendolante e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

31 risposte a Nel bel mezzo di una gelida attesa

  1. Affy ha detto:

    In una manciata di minuti quanta vita si è consumata …
    Ho letto il post guardando la fotografia, sembrava di essere proprio lì, complimenti!
    un abbraccio 🙂

    Mi piace

  2. Miss Fletcher ha detto:

    Un magnifico andirivieni di viaggiatori, attese in movimento!

    Mi piace

  3. stravagaria ha detto:

    Quei “no” gridati al cellulare meriterebbero un piccolo ritratto dei tuoi, ormai mi ha contagiata e mi sono fatta un film su ciascuno di quei no. Buona giornata

    Mi piace

  4. “andiamo da mia madre, a natale” “ma solo a pranzo!” “ma dai, mica litigherete pure quel giorno!” etc etc etc 😛

    Mi piace

  5. tiZ ha detto:

    vita, gentilezza, cortesia..si respira un’aria serena..

    Mi piace

  6. Guido Sperandio ha detto:

    Bella docu-novella.

    Mi piace

  7. Hombre ha detto:

    Un vero rap che puoi cantare.

    Mi piace

  8. rodixidor ha detto:

    Un altro giro. E tu?

    Mi piace

  9. Tratto d'unione ha detto:

    Non so perché mi hai fatto pensare a PierVittorio Tondelli…

    Mi piace

  10. Elena ha detto:

    Minuti ricchi di vita e descritti sapientemente!

    Mi piace

  11. Lisa Agosti ha detto:

    Basta un attimo! Non è bello perdere il treno… meno male che tu riesci a trasformare anche un momento così frustrante in un’immagine poetica.

    Mi piace

  12. tiptoetoyourroom ha detto:

    Bella istantanea. Per fortuna non possiamo sentire gli acuti di “Gloria” di prima mattina…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...