Luci sulla stazione

La nebbia colora di giallo il parcheggio della stazione. Fitta e sporca soffoca la luce dei lampioni, la tiene in apnea spingendola verso il basso, tingendo di un ocra malato la fumana padana, mista a smog. Il sottopassaggio acceca per contrasto. Luce al neon, brillante, si estende in canaline parallele lungo i muri a tre diverse altezze a segnalare la via per i treni e riflettersi su pareti azzurre lucidate ogni mattina… dall’inserviente dell’ astronave. Il biancore ferisce gli occhi che in risalita sul binario impattano di nuovo con il grigio della nebbia che qui si sfuma in blu e viola rimbalzando tra tettoie e pensiline e finendo ad incupire facce pendolari mattutine. Uguale l’espressione di chi sta in fila alla biglietteria, ma diversa la luce che dall’alto del lampadario centrato nel soffitto si diffonde omogenea e cade a segnare di ombre i volti viaggiatori. Confine di luce diversa i vetri delle biglietterie divido in due la stazione: chi l’attraversa di qua, chi la lavora di là. Illuminati da chiarori più intimi di lampade ad hoc, i ferrovieri distribuiscono abbonamenti d’inizio mese. Due studentesse pallide aspettano il turno allo sportello automatico e un esame all’Università. Si rimpallano meste consapevolezze: “Io so di non sapere abbastanza”. “Io invece so tutto, ma poco”. Proiettano ombre sagomate sul distributore di biglietti e metaforiche sui loro libretti.

Annunci

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Vita da Pendolante e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Luci sulla stazione

  1. stravagaria ha detto:

    I questi giorni il cielo ha una luce strana anche qui, umida e lattiginosa, bianca e brumosa…non vien voglia di uscire nemmeno per qualcosa di allettante figurarsi se si dovessero dare degli esami 😉

    Mi piace

  2. nebbia anche lì di ‘sti tempi, eh?
    (studentesse di filosofia, si direbbe :D)

    Mi piace

  3. Tratto d'unione ha detto:

    Fai luce su queste brume che ci intristiscono

    Mi piace

  4. tiptoetoyourroom ha detto:

    Se Socrate sapeva di non sapere e lei invece sa di non sapere abbastanza mi sembra anche presuntuosa 😉
    PS: “un ocra malato” mi piace da matti.

    Mi piace

  5. Miss Fletcher ha detto:

    Ancora un bellissimo dipinto, cara e splendile le due studentesse con le loro considerazioni filosofiche… chissà come è andato il loro esame!
    Un bacione a te!

    Mi piace

  6. tiZ ha detto:

    speriamo vada bene l’esame …..

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...