Rottura di carico. Tutto quello che avreste voluto sapere…

  
Una fila di trolley trainati da un unico viaggiatore: il Trolleybus… A dire il vero è il nome ufficiale del filobus, ma mica lo sapevo. E nemmeno che è prodotto artigianalmente da sole 4 ditte in Europa sapevo e che da questo dipende l’esorbitante costo da villetta a schiera, ma porta 3000 persone all’ora per senso di marcia. Poi ho scoperto che esistono i trenotram e i tramtreno, che mica sono la stessa cosa, ma entrambi viaggiano come tram nella rete urbana, con luci di posizione, frecce e specchietti retrovisori, poi s’immettono sulla rete ferroviaria e diventano treni. Belle le foto scattate negli States. E mi hanno pure detto che sui mezzi pubblici è molto peggio soffrire il freddo in inverno che il caldo d’estate, soprattutto perché il riscaldamento che passa dal motore è gratis, mentre il condizionamento si paga. Poi cifre, costi di costruzione e di gestione, coperture percentuali dagli introiti dei biglietti… E sapete qual’è il principale deterrente dell’uso del mezzo pubblico? Il fatto di doverne prendere più di uno per arrivare a destinazione. “Rottura di carico” si chiama… e da pendolare pensavo fosse tutt’altra cosa.

——————

Sabato 9 aprile. Tutto quello che avreste voluto sapere sul trasporto pubblico e che nessuno vi ha mai detto. Ing. Ivan Beltramba.

Nell’ambito de: Siamo tutti sullo stesso treno. Iniziative a sostegno del trasporto pubblici, della mobilità sostenibile e pendolare. 

——————-

Prossimo appuntamento: sabato 30 aprile. Una ferrovia una stazione un treno. Francesco Petri. Ore 18. Bar della Stazione Piccola di Modena.

Annunci

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Comunicazioni di servizio e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Rottura di carico. Tutto quello che avreste voluto sapere…

  1. stravagaria ha detto:

    In effetti è vero…quando si deve fare più di un trasbordo magari negli orari di punta, le attese son più delle coincidenze e la fatica e il tempo si moltiplica. Però anche le code in macchina…
    Comunque terrò a mente la locuzione, rottura di carico mi mancava 🙂 buon linedì

    Mi piace

  2. Miss Fletcher ha detto:

    Rottura di carico mancava pure a me.
    Io prendo i mezzi pubblici, quello che più mi disturba a dire il vero è la troppa folla, in quei casi preferisco andare a piedi.
    Buona giornata Katia, un bacione!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...