Il gomito del conducente

  Il gomito fuori dal finestrino. Così guidava mio padre. In estate, negli anni in cui l’aria condizionata non era immaginabile nelle auto operaie, l’unica fonte di refrigerio era quella esterna, spesso rovente, ma che la velocità trasformava in brezza. Dai sedili dietro noi bimbe godevamo del piccolo tifone che si creava dall’incontro dell’aria proveniente dai tre finestrini aperti. Il quarto, quello di mia madre, rimaneva rigorosamente chiuso. Lei avvolta – a ripararsi – nel foulard. A noi piccole era vietato sporgere troppo le braccia dal finestrino per “fermare l’aria”, ma quando mio padre appoggiava il gomito, creava una barriera che la deviava modificandone la circolazione all’interno dell’abitacolo. A volte anche la cenere della sigaretta finiva sul sedile dietro, ma questa è un’altra storia..

Un flashback. Il nastro del tempo riavvolto da un gomito sporgente da un finestrino, non di auto, ma di locomotore. E mi sono chiesta guardando il macchinista pacificamente in sosta, come a un semaforo cittadino, se durante la marcia, ai 140 all’ora viaggia così, col gomito al finestrino e se cambia nel treno la circolazione dell’aria.

Annunci

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Fotografia ferroviaria, Storie di banchina e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

28 risposte a Il gomito del conducente

  1. m3mango ha detto:

    Delicato e vivo questo bel ricordo.

    Mi piace

  2. meravigliosi ricordi!
    p.s. ehi vedo che sono arrivati anche da voi i treni nuovi! 😆

    Liked by 1 persona

  3. Safranina ha detto:

    Scena molto comune per noi della generazione delle auto senza aria condizionata. E che fastidio era quando uno chiudeva un solo finestrino e si formava quel rumore in risonanza che ti distruggeva le orecchie??

    Liked by 1 persona

  4. stravagaria ha detto:

    Da bambina ho tanti ricordi di treni e pochi di macchine (i miei non l’hanno mai comprata)… Prendo in prestito il tuo che mi piace molto 🙂

    Liked by 1 persona

  5. Miss Fletcher ha detto:

    Il tuo ricordo è comune a molti di noi, tra l’altro fermare l’aria era bellissimo, lo rifacciamo ❤ ?
    Buona giornata Katia, che dolce questa nostalgia.

    Mi piace

  6. Guido Sperandio ha detto:

    Sì, c’è la generazione del gomito, quello fuori dal finestrino (l’epoca del famoso boom) e quella che il gomito lo alzava, spesso i due gomiti coincidevano…

    Mi piace

  7. tiZ ha detto:

    bella foto.
    ….ma quel gomito faceva tanto “grande” , tanto senso di “libertà”..

    Mi piace

  8. quarchedundepegi ha detto:

    Erano proprio altri tempi!, ma sembra ieri.
    Buona giornata.
    Quarc

    Mi piace

  9. rodixidor ha detto:

    La generazione cresciuta in auto senza aria condizionata, con le mani a volare nell’aria fuori dal finestrino, bei ricordi. Balla anche la foto.

    Liked by 1 persona

  10. Tratto d'unione ha detto:

    Oggi anche le auto operaie hanno l’aria condizionata. Però sono lo stesso auto operaie.

    Mi piace

  11. wellentheorie ha detto:

    Che bello questo ricordo! Complimenti per averlo descritto così bene 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...