Zoologia del lettore da treno

  Si sa che la primavera influenza i flussi migratori di diverse specie animale e il lettore pendolare non fa eccezione. Da un paio di mesi è diventato raro avvistarne uno, probabilmente sono fuggiti in branco sui treni ad alta velocità dove l’aria condizionata preserva la carta dei volumi dalle alte temperature e dall’umidità dei Regionali. Niente libri in treno insomma, semmai qualche settimanale, un quotidiano, ma chiusi, infilati nelle borse, orgogliosi baluardi di un cartaceo mondo che arranca. Gli smartcosi, al contrario, prolificano senza predatori che riescano ad arginarne la diffusione. Figliano ad una velocità spaventosa è come parassiti vivono sulle spalle dei giganti… Ogni giorno si scopre una nuova razza di App e sottofamiglie di Social che si contendono un habitat ridotto. L’unica speranza per le specie cartacee sono le tratte in galleria dove la rete che alimenta i mostriciattoli invadenti non funziona. Eppure sono ottimista: credo che una corretta politica di ripopolamento fatta di nuove Sfumature di Grigio potrebbe portare nuovi lettori sui nostri Regionali, almeno per il tempo di quel solo libro.

Annunci

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Libri in treno, Storie di treno e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

23 risposte a Zoologia del lettore da treno

  1. stravagaria ha detto:

    Stanno boicottando la tua rubrica??! Come osano?

    Mi piace

  2. io temo che in realtà sia proprio quel ripopolamento da sfumature concausa di questi momenti di infertilità…

    Mi piace

  3. Affy ha detto:

    Hai raGGGGione … ed io di treni me ne intendo! 😉
    Certi lettori migrano come le rondini ma tornano sempre nel primitivo nido 🙂
    Un abbraccio da Affy

    Mi piace

  4. Guido Sperandio ha detto:

    Possibile? tutto così di colpo, da un post all’altro?
    Incomincio a dubitare dell’affidabilità dell’ “inviato speciale” .

    Mi piace

    • Pendolante ha detto:

      Le foto di lettori che pubblico non sono scattate il giorno della pubblicazione. Le scatto, le mando a Cartaresistente che le pubblica quando vuole, anche dop settimane, e solo allora io le ribloggo

      Mi piace

  5. Guido Sperandio ha detto:

    Capisco, è la stagionatura che si addice al miglior whisky

    Liked by 1 persona

  6. cinziarobbiano ha detto:

    sulla mia linea leggono in pochi, è una cagnara di discorsi, cellulari che trillano, musica a manetta: perché non provare a creare una piccola biblioteca viaggiante, chissà che la novità non attiri !!!

    Mi piace

  7. baba ha detto:

    Sono arrivata fin qui grazie ad Alessandra – Una lettrice. Penso di pendolare sulla stessa linea di cinziarobbiano: cagnara di discorsi interrotti solo da qualche suoneria a tutto volume. In genere, con l’arrivo dell’estate, la situazione migliora. Molti pendolari evaporano. Dipenderà dal fatto che trenitalia usa cuocerci a fuoco lento, alternando temperature glaciali a giornate di riscaldamento a palla.

    Mi piace

  8. Elena ha detto:

    La scorsa settimana ho pendolato per due giorni e mi sei venuta in mente! Non ho visto nessuno con un libro, ma tutti attaccati al cellulare (me compresa). Baci

    Mi piace

  9. Fabio ha detto:

    Eccomi! Tratta diversa, ma sempre presente, sempre con libro e sempre #LettorePendolare 😉
    C’è speranza, non temere!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...