“Fuori binario” il programma RAI sulle tratte ferroviarie italiane “slow”

  FUORI BINARIO è un programma della RAI in 10 puntate andato in onda dall’estate del 2015 fino al 19 giugno di quest’anno. Un viaggio alla scoperta dell’Italia effettuato utilizzando le tratte ferroviarie “slow” sopravvissute alla modernità, alla scoperta di paesaggi incontaminati, pievi, piccoli paesi ricchi di arte, storia, tradizioni e aneddoti raccontati da personaggi caratteristici.

Potete trovare tutte le puntate sul sito della RAI. Purtroppo qui in pineta è già tanto che riesca a scrivere un post, figuriamoci se ho la linea per vedere un video, ma ringrazio l’amico The quiet man che me lo ha segnalato. A causa delle stesse difficoltà di connessione alla rete non ho capito se le tre puntate andate in onda quest’anno, sono repliche o nuove tappe….

PUNTATA 1: IL TRENO DI DANTE
Un traversata dell’Appennino Tosco-Romagnolo, lungo il viaggio d’esilio che ha portato Dante da Firenze a Ravenna. Ma non solo. Un traiettoria nel cuore della cultura italiana.

PUNTATA 2: IL TRENO VERDE
A bordo del trenino verde, ripercorrendo il viaggio compiuto dallo scrittore britannico David Herbert Lawrence, all’inizio degli anni venti. Per cercare di capire quanto sia cambiata quella Sardegna affascinante e misteriosa, nei suoi uomini, nelle sue donne, e nella sua apparente indifferenza alla Storia

PUNTATA 3: LE FERROVIE APPULO LUCANE
Partendo da Bari seguiamo il tracciato delle antiche ferrovie Appulo Lucane che collegano il capoluogo pugliese a Potenza. Una tratta che passando per le MURGE ci condurrà prima a Matera e poi in giro per l’entroterra lucano, mostrandoci scorci di paesaggi arcaici in cui l’uomo a volte sembra essere solo transitato senza mai aver lasciato tracce indelebili. Ci aspettano paesi ora abbandonati creati all’epoca della grande riforma agraria, castelli federiciani, basilche gotiche in un viaggio in cui incontreremo artisti e artigiani, fuochisti e panettieri, fonditori e mugnai. Uno scorcio di quello che la Lucania è oggi quando la si osserva fuori binario.

PUNTATA 4: IL TRENO DELLE CINQUE TERRE
Cinque Borghi collegati da un treno che corre tra mare e monti. Una vera e propria sfida alla verticalità, quella delle Cinque terre, che da centinaia di anni segna la vita degli abitanti di questo breve tratto di terra.

PUNTATA 5: IL TRENINO DEL RENON
L’altopiano del Renon, un soleggiato e verde territorio che si sviluppa sopra la città di Bolzano. Qui, nel cuore del Sud Tirolo, si possono appprezzare dei panorami mozzafiato delle Dolomiti. In questo luogo è possibile trovare aristocratici molto poco cittadini, allevatori di lama, proprietari di masi e ritrovare le tracce di Sigmund Freud. Una terra unica, attraversata dal percorso di uno degli ultimi treni di montagna, il cosiddetto trenino del Renon.

PUNTATA 6: LA TRANSIBERIANA
Un viaggio a bordo della mitica Transiberiana d’Italia, fendendo l’Appennino abruzzese e molisano, sulle tracce di Ovidio e Celestino Quinto. Imbattendosi nei cacciatori di lupi che affollavano i sogni d’infanzia di Benedetto Croce, interpretati al cinema da Yves Montand.

PUNTATA 7: LA CIRCUMETNEA
, il più olimpico dei monti mediterranei, e un ferro di cavallo ferroviario che gli corre intorno: una terra antica che ovunque evoca la bellezza, la forza, il mito.

PUNTATA 8: LA TRIESTE/OPICINA
Tra il mare e la montagna, tra l’Italia e il confine seguiamo oggi le tratte ferroviarie che da Trieste scalano il monte per perdersi sul Carso e oltre. Viaggiando sul trenino che collega il porto con la cittadina di Opicina impareremo a conoscere i segreti della città che un tempo era una grande capitale imperiale un porto di tra i più importanti d’Europa e che oggi cerca un nuova identità. E poi viaggeremo oltre confine lungo tratte ferroviarie ora scomparse che ci porteranno a riscoprire i semi che l’Italia ha lasciato dietro di se’ in tutta l’Istria. Incontreremo Fotografi e folli collezionisti, tartufai e medici legali, esuli e ultimi testimoni di un passato che a Trieste non è mai del tutto trascorso.

PUNTATA 9: IL TRENO DEL SUD-EST
Salento, il tacco d’Italia. Partendo da Lecce ed arrivando fino a sud, verso il capo di Santa Maria di Leuca, per poi perdersi nelle campagne ricche di ulivi, si sviluppa la Sud Est, la reta concessa più lunga d’Italia. Una terra rossa, arsa dal sole, ricca storia e di storie ospita il percorso della ferrovia. Attraversata dal fantasma di Carmelo Bene, sostenuta dal ritmo della pizzica, benedetta dal blu dei mari che la costeggiano, il Salento si mostra in tutto il suo splendore in questa nuova puntata di Fuori Binario. Sono le parole di Edoardo Winspeare, regista e cantore principe del Salento, ad accompagnarci in un viaggio unico, fatto di artisti, casellanti, eruditi, cuochi e luoghi eterni, come la cattedrale di Otranto.

PUNTATA 10: LA VIGEZZINA
Un treno che attraversa due valli in una terra di confine, la Val Vigezzo, che si stende tra l’Italia e la Svizzera, tra racconti di emigranti, contrabbandieri e partigiani.

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Il treno nei film e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a “Fuori binario” il programma RAI sulle tratte ferroviarie italiane “slow”

  1. Miss Fletcher ha detto:

    Non sapevo di questa trasmissione, abbiamo splendide tratte ferroviarie con panorami mozzafiato, giusto valorizzarle. Buona giornata cara!

    Mi piace

  2. Guido Sperandio ha detto:

    Ottima idea, l’Italia abbonda di aspetti sconosciuti e che meriterebbero la copertina.
    Anche se ho l’impressione che, nel frattempo, molte citazioni nel post si siano ridimensionate.
    Per esempio, conosco bene il Renon e le Cinque Terre, e specie per queste ultime, quel mitico tratto di ferrovia – come descritto – non mi risulta tale e quale. Forse c’era un tempo “la verticalità” citata, ma un tempo molto in là e lontano.

    Mi piace

  3. Tratto d'unione ha detto:

    Molto interessanti! Da recuperare tutte!

    Mi piace

  4. tiZ ha detto:

    Ogni tratta un raduno: sai che bello!!

    Mi piace

  5. se poi questi video ti hanno annoiato, puoi andare direttametne a vedere le 7 ore di filmato minuto per minuto del viaggio in treno da bergen a basen in norvegia: https://www.youtube.com/watch?v=z7VYVjR_nwE
    (e sei fortunata che ti piace il treno. se amavi i viaggi in mare c’era il filmato da 134ore lungo i fiordi. è la nuova frontiere della slow tv)

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...