Nuove architetture in stazione

  
L’hanno cambiata la panchina del primo binario. Quella a limite del marciapiede, abitata da gente al limite. Tutte le hanno cambiate le panchine in stazione. Non più quelle verdi con un’unica seduta per più persone. Grigie ora, con quattro posti divisi da braccioli. Come sedie singole. Non più fianchi che si toccano, sederi che si sfiorano, spalle che sfregano. Non più contatti  occasionali indesiderati. I braccioli fanno barriera, ma impossibili anche le aderenze volute, i tocchi cercati, gli abbracci anelati. Non ci si può più sdraiare sulla panchina del primo binario, per dormire, riposare o fare l’amore, che di notte – passata l’ora dei pendolari – che ne sapete chi ci abita qui è come passa il proprio tempo? Un’esaltazione all’individualismo le nuove panchine. Una spinta all’isolamento di chi già è considerato asociale, di chi magari con le parole inciampa e affida alla fisicità d’un contatto l’approccio col mondo. 
Così la panchina del primo binario, da sempre condominio di umanità al margine, è diventata villetta prefabbricata di un quartiere degradato di periferia, dove per incontrarsi non basta salire le scale, ma ci si deve impegnare per sporgersi oltre il bracciolo del giardino, in sforzo di volontà conviviale. E per molti è un passo eccessivo.

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Storie di banchina e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

20 risposte a Nuove architetture in stazione

  1. quarchedundepegi ha detto:

    Mi piace l’idea della villetta prefabbricata.
    BUON GIORNO.
    Quarc

    Mi piace

  2. stravagaria ha detto:

    Non mi piacciono queste panchine: sembrano quelle delle sale d’aspetto, sono burocratiche e senz’anima. E poi ogni tanto si ha bisogno di una panchina a tutta lunghezza per allungare le gambe e far spazio a un sogno.

    Mi piace

  3. Guido Sperandio ha detto:

    “Non più contatti occasionali indesiderati. I braccioli fanno barriera, ma impossibili anche le aderenze volute, i tocchi cercati, gli abbracci anelati.”
    Vedo di mettere insieme “indesiderati” con “anelati”. La rima, quella c’è…

    Mi piace

  4. Miss Fletcher ha detto:

    L’altra è la classica panchina, era anche di un bel colore… questo forse ora sono più diffuse, se passerò a Genova dalla stazione farò caso a quali abbiamo qui, proprio non me lo ricordo.

    Mi piace

  5. Lisa Agosti ha detto:

    Solo tu sapresti rendere così triste la storia di una panchina…

    Mi piace

  6. beh, beh, c’è pur sempre la possibilità di risolverla “all’italiana” nottetempo, seghetto e lima…

    Mi piace

  7. m3mango ha detto:

    Esteticamente sono poco fotogeniche, poi manco aiutano a socializzare. Voto no!

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...