Il treno nei libri: Intercity

  Di nuovo grazie all’amico The quiet man, propongo una poesia di Raffaello Baldini tradotta dal dialetto romagnolo (che è ostico anche per me che sono emiliana e parlo diversa lingua). Io e la poesia spesso litighiamo, facciamo a botte e ammetto che la maggior parte delle volte ne esco sconfitta, ma Baldini ha il potere di mettere pace tra di noi.

Raffello Baldini. Intercity. Einaudi, 2003. Collezione di poesia.

Intercity [traduzione]

Guglielmo, sei dei nostri? che io, secondo me,
devono fare un bis, e beh, dove la mettono
tutta ‘sta gente? no, il biglietto l’ho fatto,
l’ho fatto ieri, aspetto Gino,
come, con l’Espresso, dove vai con l’Espresso? l’Espresso
è il vecchio accelerato,
gli hanno solo cambiato nome, non arrivi mai,
ferma dappertutto,
noi andiamo con l’Intercity,
certo, costa un po’ di più, c’è il supplemento,
chi te l’ha detto solo la prima? c’è anche la seconda,
ho il biglietto, lo vuoi vedere? […]

orca, è l’ultimo, è l’ultimo vagone,
sono arrivato in fondo, e non c’è nessuno,
questa è bella,
controllore! non c’è neanche il controllore?
poi queste luci blu, meglio accendere, no, no, è peggio,
tutto vuoto, fa impressione,
però il vagone postale, almeno lì
ci sarà qualcuno, dài, marcia indietro,

carrozza 6, quello è il mio posto, avanti,
vuoto anche questo, vuoto, vuoto, e qui non si va da nessuna parte,
è chiuso, ma il controllore,
ho passato tutto il treno, non c’è, che sono due,
devono essere due, c’è anche il capotreno,
e quello che vende le bibite?
e il vagone ristorante? che sull’Intercity
ci dev’essere, e come, ma ve’ che roba,
che ho fatto tanti di quei viaggi in treno, ma
una roba così, io, è la prima volta,
cosa sarà successo? una disgrazia no,
siamo partiti in orario, ho guardato l’orologio,
il treno va, anche troppo,
che se fermasse, da aprire uno sportello, domandare,
ma questo, hai voglia,
che quando sono salito, dieci minuti fa,
venti minuti fa, quant’è?[…]

e da sotto Martino
mi ha allungato la valigia e la bisaccia,
ho fatto fatica ad aprirmi il passo, la gente,
tutti ammucchiati, o me lo sono sognato?
neanche mezz’ora fa, dove sono andati tutti?
sono saliti e poi sono scesi?
hanno sbagliato treno? tutti? o hanno sbagliato
alla stazione? ma come si fa a sbagliare?
è un Intercity, questo, non è un Espresso,
che era pieno di gente su quel marciapiede,
eravamo una fiumana, il capostazione
a Rimini, non so, non s’è accorto di niente?
e neanche i macchinisti?
ma le ferrovie, dico, le ferrovie,
ho capito, la disorganizzazione,
porca puttana, ma come può succedere,
questa è una roba che,
sono diventati tutti matti? un treno solo per me?

Intercity
Guglielmo, t si di nóst? che mè, sgònd mè,
i chin fè un bis, amo, dò ch’i la mètt
tótt’ sta zénta? no, e’ bigliètt a l’ò fat,
a l’ò fat ir, a stagh d’aspitè Gino,
cumè, sl’Esprès, du vét sl’Eprès? l’Esprès
è il vecchio acelerato,
i i à sno cambiè nóm, ta n’aréiv mai,
e’ férma dimpartótt,
néun andémm sl’Intercity,
zért, e’ gòsta un pò ‘d piò, u i è e’ suplemént,
chi t l’à détt sno la préima? u i e’ ‘nch’ la sgònda,
ò e’ bigliètt, ta l vu vdài? […]

òrca, l’è l’éultum, l’è l’ultum vagçun,
a so rivat i nchèva, e u n gn’è niséun,
quèsta la è bèla,
controlore! u n gn’è gnénca e’ controlòur?
pu sti lómm bló, mèi zènd, no, no, l’è pézz,
tótt svéit, e’ fa impresiòun,
però e’ vagòun pustèl, emènch alè
u i sarà qualcadéun, dài, marcia indietro,

carozza 6, quèll l’è e’ mi pòst, avènti,
svéit ènca quèst, svéit, svéit, e aqué u n s va invéll,
l’è céus, mo e’ controlòur,
a so pas tótt e’ treno, u n gn’è, ch’i è déu,
i à da ès déu, u i è ènca e’ capotreno,
e quèll ch’e’ vènd al bébiti?
e e’ vagòun ristorènt? che sl’Intercity
ch’ò fat tènt ad chi viàz in treno, mo
‘na roba acsè, mè, l’è la préima vólta,
cs’èll ch’e’ sarà suzèst? ‘na sgrèzia no,
a sémm partì in urèri, ò guèrs l’arlózz,
e’ treno e’ va, enca tròp,
che s’e’ farméss, d’arvì un spurtèl, dmandè,
mo quèst, t’é voia,
che quant a so mòunt sò, dis minéut fa,
véint minut fa, quant’èll?
[…]
dò ch’i è ‘ndè tótt?
i è méunt e pu i è sméunt?
i à sbaiè treno? tótt? o i à sbaiè
ma la staziòun? mo cmè ch’u s fa a sbaiè?
l’è un Intercity, quèst, u n’è un Esprès,
ch’ l’era pin ‘d zénta sa che marciapì,
a sérmi una fiumèna, e’ chèpstaziòun
a Rémin, a n’e’ so, u n s’è incórt ad gnént?
e gnénca i machinésta?
mo al ferovéi, a déggh, al ferovéi,
ò capéi, la disorganizaziòun,
porca putèna, mo cma pòl suzéd?
quèst l’è una roba che,
i è dvént tótt mat? un treno sno par mè?

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Il treno nei libri e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

17 risposte a Il treno nei libri: Intercity

  1. Gabriele ha detto:

    Giusto ieri ripensavo a Baldini e ho postato una sua poesia. Grandissimo, Raffaello Baldini, grandissimo, anche per chi con la poesia ci litiga🙂

    Mi piace

  2. Miss Fletcher ha detto:

    Il dialetto, ahia… difficile da scrivere e ancor più da leggere, però se lo traduci perdi un po’ di musicalità, è vero?
    Buon sabato Katia!

    Mi piace

  3. Lisa Agosti ha detto:

    Mi sembra di sentire mia nonna… “mo ‘sa fet? ‘ndo vet?”
    (“Ma che fai? Dove vai?”)

    Mi piace

  4. Maurizio Vagnozzi ha detto:

    Ma una lettura per sentire il profumo del dialetto?

    Mi piace

  5. the quiet man ha detto:

    Gnocco a Modena richiede “il” oppure “la” per il femminile,seppure con diverso significante.
    Per coloro che insistono a chiedere “lo” gnocco fritto (tipo mia figlia) proporrei l’ostracismo.

    Mi piace

  6. the quiet man ha detto:

    Per quanto riguarda la poesia di Baldini, che è perfetta per chi litiga con la poesia, si possono trovare, credo, in rete, le belle letture di Ivano Marescoyti dove apprezzare il bel suono del dialetto romagnolo.

    Mi piace

  7. the quiet man ha detto:

    Marescotti natutalmente.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...