Autunno in carrozza

Dorme il vicino di viaggio. 
Spalancate, le fauci invitano gli astanti a esplore cavità orali.
Maliziose intenzioni inibite di giocare a fare canestro con palline di carta. Eretto, per nulla scomposto, la testa di poco inclinata all’indietro. A intervalli gli cade sul petto, rimbalza, lo sveglia e si appoggia.
Dorme di nuovo. Non russa. Sagoma il paesaggio col suo profilo. Monti di naso e mento e leggera peluria boschiva.
Non arriva indolore l’autunno: assopisce. Alcuni. Me no.
Ma non trovo le chiavi della mia bicicletta.

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Ritratti, Storie di treno e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

35 risposte a Autunno in carrozza

  1. marcoguzzini ha detto:

    Sempre un piacere leggere dei tuo i

    Mi piace

  2. Tratto d'unione ha detto:

    Un piccolo brano che vorrebbe essere un haiku 🙂

    Mi piace

  3. marcoguzzini ha detto:

    Sempre un piacere leggere i racconti dei tuoi intorni🙂

    Mi piace

  4. quarchedundepegi ha detto:

    Già… capita.
    Bella prosa.
    Buon giorno.
    Quarc

    Mi piace

  5. Guido Sperandio ha detto:

    Stai quasi raggiungendo la perfezione, parole e immagine.
    (Il treno, la tua musa formidabile. La bicicletta segue, per il momento, di importanza.)

    Mi piace

  6. Gisella ha detto:

    Fuori tema: odio l’autunno…

    Mi piace

  7. oddio oddio eri seduta vicino a obi-wan kenobi?!? e non gli hai nemmno chiesto un… una… non so, tipo, “ehilà, obi, notizie dal meaestro yoda?!?”. non ci credo. c’era pure il disegnino della spada laser sul finestrino, come hai fatto a non accorgertene???😄
    (chiedo umilmente perdono, ma mi sono divertito tantissimo a scrivere questa boiata di commento…)

    Mi piace

  8. stravagaria ha detto:

    Giusto ieri mia figlia mi diceva che lei in treno pullman ecc. non dorme perché teme i malandrini e non vuole che la vedano scomposta… Io per la verità sono certa di averlo fatto in passato😉 fortuna che non esistevano i blog…

    Mi piace

  9. Miss Fletcher ha detto:

    Io non riesco a leggere in treno, figuriamoci a dormire!

    Mi piace

  10. baccoartolini ha detto:

    Bella. Davvero l’arte sboccia nei campi, basta guardare fuori dal finestrino🙂

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...