Anonima pendolare

 
Ha il raro pregio di vaporizzare gioia attorno a sé come un erogatore di fragranze profuma ambiente, ma senza il fastidio di quegli odori chimici. La capo treno, con la solita allegra cortesia, procede lungo il vagone chiedendo ai passeggeri i titoli di viaggio. La sua presenza infonde e diffonde buon umore. Non solo dispensa sorrisi sinceri ai viaggiatori, ma ricorda i visi di chi ha l’abbonamento, togliendoci per un attimo dalla massa anonima dei pendolari per restituirci un’identità e farci sentire individui riconoscibili. Pochi istanti, una domanda retorica “lei è abbonata, vero?”, poi passa oltre, ma ti ha regalato un buon inizio di giornata. Ecco, oggi non è successo. Non mi ha riconosciuta, nemmeno in extremis, e nonostante la cortesia immutata, mi ha rilanciato nel pozzo degli ignoti, dei volti sconosciuti, dei senza nome, dei Tizio-Caio, dei “senta lei” … A parte evidenti turbe della personalità, mi sa che ho esagerato col taglio di capelli.

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Ritratti, Storie di treno e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

28 risposte a Anonima pendolare

  1. Affy ha detto:

    Ti sei resa irriconoscibile uscendo dalla memoria della capo treno! Galeotto fu il taglio di capelli ….
    Un buon inizio di giornata che si apre con un sincero sorriso è un magnifico regalo, inatteso e fortuito, spero che domani la tizia si ricorderà di te e passi oltre!
    Un abbraccio ♥

    Mi piace

  2. stravagaria ha detto:

    Tra pochi giorni, complice l’allungarsi della chioma le tornerà la memoria 😊 Chissà piuttosto se i pendolari sarebbero in grado di riconoscere lei senza divisa, al di fuori dell’ambiente della stazione… quando mi è capitato di incrociare alcune cassiere del supermercato al di fuori delle loro mansioni ci ho messo un po’ per ricordare dove le avessi già viste 😉

    Mi piace

  3. Miss Fletcher ha detto:

    Questi incontri diventano inevitabilmente parte della nostra quotidianità, vero?
    Io mi stupisco sempre che certi negozianti si ricordino le mie preferenze e come dice Viv spesso di incontrare i commessi al di fuori dei loro negozi e si resta a chiedersi: dove ci siamo già visti?
    Vedrai che domani ti riconoscerà, ne sono sicura! Bacioni.

    Mi piace

  4. hai tagliato i capelli?!?!?!?!? oddio, non è che succede come a sansone e ora non riesci più a scrivere post?😛

    Mi piace

  5. Tratto d'unione ha detto:

    Ahahah… bello avere un controllore che diffonde gioia! Meno bello avere turbe della personalità 😛

    Mi piace

  6. tiZ ha detto:

    non ti sarai fatta bionda biondissima???? 😉

    Mi piace

  7. alidivelluto ha detto:

    Stai talmente bene con il nuovo taglio, che la capotreno, affascinata da cotanta bellezza, non ti ha neppure riconosciuta! (vederla così non aiuta a recuperare il buon umore?)

    Mi piace

  8. redbavon ha detto:

    Mettila così: vuole dire che il taglio di capelli ha funzionato! Ti ha donato un po’ di novità. Io odio tagliarmi i capelli, non mi riconosco mai appena ha finito con le sue forbici…

    Mi piace

  9. Guido Sperandio ha detto:

    Ammiro questa signora e per lo spirito con cui affronta un mestiere per niente facile. Esposta a situazioni non sempre piacevoli. Saprai certamente che la rete Trenord ha adottato un servizio di guardie private sui convogli di supporto ai capotreni e per contenere gli episodi di violenza sempre più frequenti.

    Mi piace

    • Pendolante ha detto:

      Da noi ultimamente si trovano gruppi di controllori che si muovo assieme. Anch’io trovo questa donna ammirevole non solo perché affronta un lavoro difficile, ma anche per il suo spirito. Devo dire che paga di più, anche nelle difficoltà, un atteggiamento fermo, ma tranquillo che uno aggressivo.

      Mi piace

      • Guido Sperandio ha detto:

        Fermo ma tranquillo: sì, d’accordo. Ed è proprio qui che sta la difficoltà e la conseguente bravura. Considerando anche che, nel caso della signora, ha senz’altro alle spalle una vita privata se non tutta una famiglia col carico che comporta. L’utente dovrebbe “aiutare” lei e il suo lavoro.

        Mi piace

  10. rodixidor ha detto:

    Anche le simpatiche capotreno possono sbagliare …. come i parrucchieri🙂

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...