Vite in viaggio: Il ragazzo con borsa e cappello

Non aveva mai conosciuto suo nonno. A dire li vero l’intera ascendenza paterna mancava all’appello, persa in confusi racconti di migrazioni, volutamente incompleti e reticenti. Le reazioni del padre alle sue richieste di spiegazioni andavano dall’indifferenza all’irritazione e lui desistette presto dal fare domande. Non aveva cugini e nemmeno zii che condividessero il suo cognome, tanto che in quinta elementare andava dicendo che se lo era inventato suo padre, capostipite di una nuova casata di cui lui era l’erede. Le sue fantasie su quella faccenda si alimentavano di letture, film e serie televisive, così in prima media iniziò a sospettare di essere stato adottato e in terza si diceva rapito dalla sua casa natale (reale, sicuramente) per l’impossibilità della madre di avere figli, ipotesi alimentata dall’assenza di fratelli e sorelle. Nei primi anni delle superiori si convinse di essere figlio di un ricercato o un pentito di mafia e la sua vita divenne guardinga e solitaria fino a raggiungere eccessi di reclusione pomeridiana e festiva che allarmarono i genitori. Confessò i suoi sospetti, messo alle strette, e la risata convulsa del padre lo stupì e umiliò tanto quanto lo scioccarono le lacrime che la seguirono. Non avrebbe mai pensato, il padre, di arrecargli danni tacendo il suo passato. Se ne scusò sincero, lo strinse come padre a un figlio e finalmente gli parlò di sè. Da una scatola sul fondo dell’armadio estrasse una piccola sacca di tela con la tracolla rotta e un cappello di feltro marrone. “Tutto quello che so di mio padre”, disse. “Me li lasciò addosso affidandomi alle cure di una donna che, non vedendolo tornare, mi portò alla polizia.” La borsa conteneva un biglietto, nome del neonato e il cappello non aveva segni distintivi. Ingiustificata la vergogna e il senso di colpa per l’abbandono subito, ma il padre li aveva provati così intensamente da non comprenderne le ripercussioni sul figlio, ma questo non venne detto. Solo suggellarono un silenzioso patto di “fine discorso” e non ne parlarono più. Cessarono così fantasie e isolamento. Il ragazzo smise di crearsi radici mentali per portarsi addosso quelle reali: un cappello di feltro marrone e una borsa da riempire. 

Annunci

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Ritratti, Vite in viaggio e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

16 risposte a Vite in viaggio: Il ragazzo con borsa e cappello

  1. stravagaria ha detto:

    Spesso i figli in età adolescenziale vagheggiano radici immaginarie anche quando i genitori non sono reticenti. O no?

    Mi piace

  2. Guido Sperandio ha detto:

    «…un cappello di feltro marrone e una borsa da riempire» e un treno da prendere, ignorando di incocciare nell’obiettivo indiscreto di una signora indiscreta.
    FINE del primo atto. A quando il secondo?

    Mi piace

  3. Bello questo regalare qualcuno un pezzo di vita possibile, l’immaginazione serve (anche) a questo 🙂

    Mi piace

  4. Tratto d'unione ha detto:

    Non avevo mai pensato alle conseguenze per il nipote di avere un padre senza padre. Che stupida. Ne parlerò con S.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...