Di finestrinim intuizioni e geografie cromatiche

cromatismiIn questi giorni della merla il tradizionale biancore di gelo sfuma nel grigiore da smog, ma sempre freddo è. Ristoratore, riposante, placido freddo per il terreno e per chi ha la fortuna per nulla scontata di vivere al caldo in un nido sicuro. E mentre i pendolari percorrono linee ferroviarie che uniscono città, ci sono capi di Stato che emanano bandi che separano umanità, ma hanno il pregio di unire proteste. E se il civilissimo Canada si scopre non essere immune dal terrorismo, inverte però l’intolleranza religiosa e vittime e carnefici si scambiano di posto a dimostrare che l’imbecillità non è razzista e nemmeno lo sono altri aggettivi sicuramente più adatti alla circostanza. Così cogliere i toni arancioni e gialli di una cartina geografica su un PC attraverso due finestrini di altrettanti treni, non sembra casuale in questo lunedì mattina e se una tradizionale merla da bianca che era può diventare nera, forse c’è speranza che la nettezza di separazioni, non solo cromatiche, sfumi in tonalità intermedie e a ognuno di voi il compito di completare un’intuizione che forse mi è già sfuggita.

Annunci

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Fotografia ferroviaria e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

14 risposte a Di finestrinim intuizioni e geografie cromatiche

  1. stravagaria ha detto:

    No l’imbecillita non è razzista. Sconcerta che persone che pubblicano accorati post nel “giorno della memoria” non colgano sinistre analogie quando i soggetti sono di religione o etnia diversa.

    Liked by 1 persona

  2. Pendolante ha detto:

    che stanchezza Guido. Arriveremo ad esserne stanchi prima o poi

    Mi piace

  3. Lisa Agosti ha detto:

    😦
    Ormai sto sveglia di notte al pensiero di che notizie leggerò il mattino dopo.
    Prima temevo quelle italiane, adesso è panico in generale.

    Mi piace

  4. Fancyhollow ha detto:

    Un ricamo di parole! E tutte supersensate!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...