Viaggio trifasico

Prima tratta: Modena-Bologna. Frecciarossa. 

In 15 minuti di viaggio ho giusto fatto in tempo a far alzare una ragazza due volte per farmi sedere. Il suo cellulare, in carica sul tavolino, al secondo passaggio si stacca di prepotenza dal cavo e cade a terra infilandosi sotto il sedile. La ragazza, in gonnellina chiara e calze sottili, tenta di recuperarlo senza toccare il pavimento, ma Murphy insegna che se esiste un recesso accessibile nelle profondità del treno, è lì che il telefono si è rintanato. Così mi offro di recuperalo, forte dei jeans che non temono sporcizie (!). Ed eccomi su un Frecciarossa a rovistare sotto il sedile a “cul buson”, termine dialettale politica scorrect di cui credo non dover spiegare il significato. Tranquilli: mio marito mi guardava le spalle.

Seconda tratta: Bologna-Venezia. Regionale Veloce

A parte che era meglio invertire il mezzo con quello della prima tratta, ma questo offriva la casa (FS), il sole, procedendo, ha lasciato il posto alla nebbia dando al viaggio un tono più nostalgico. Attenzione focalizzata su post di altri. Ma uno sguardo costante alla ragazza tatuata con ai piedi una versione moderna, total black, degli zoccoli olandesi. Non riesco a decifrare il tatuaggio sull’avambraccio sinistro. Bianco e nero. Bello. Poi alza il telefono e fotografa la nebbia dal finestrino e io lei.
Ritardo di 20 minuti. Coincidenza per Trieste persa.

Terza tratta: Venezia Mestre-Trieste. Pagato un Frecciarossa, preso un Regionale.

Il vagone risuona degli ansimi da corsa dei viaggiatori scesi dal precedente regionale in ritardo. Una sinfonia notevole. In diversi regionali accenti tutti lamentando il ritardo. L’ora dei pendolari è passata da un pezzo, si viaggia larghi, in silenzio, tranquilli. Una fila avanti un tizio ha aperto un manuale con immagini di ecografie. La donna dalla valigia rossa legge un tomo di grande dimensioni. È alle ultime pagine. Non c’è verso di scoprirne il titolo. Finito il libro lo ripone in borsa e al suo posto prende un intonso Angeli e demoni di Dan Brouwn. Non so come si passi da un libro all’altro così rapidamente. Io ho bisogno di sedimentare. Intanto abbiamo accumulato altri 15 minuti di ritardo. A volte la mobilità sostenibile ti mette alla prova. 

Annunci

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Storie di treno, Vita da Pendolante e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

18 risposte a Viaggio trifasico

  1. rodixidor ha detto:

    Hai fatto venir voglia di prendere un treno e mettersi in viaggio, porsi una meta (Trieste è perfetta) ed attraversare la penisola in tante tratte respirando le atmosfere che hai saputo ben evocare tu. Belle le foto, bello il diario di viaggio. 🙂

    Mi piace

  2. trieste è meravigliosa. buona gita!

    Mi piace

  3. Guido Sperandio ha detto:

    Home, sweet home. Col mutuo o senza.

    Mi piace

  4. Affy ha detto:

    Insomma … un’avventura!
    Tre situazioni diverse a bordo treno che hai raccontato e illustrato benissimo, viene proprio voglia di salire sul primo treno …
    Bravissima, come sempre!
    Buon fine settimana, un abbraccio da Affy 🙂

    Mi piace

  5. stravagaria ha detto:

    Week end triestino dunque! Bene, allora darò un’occhiata a fb che magari ci scappa qualche foto 😊

    Mi piace

  6. tiZ ha detto:

    Allora? ???? È pronto il super progettone???

    Mi piace

  7. 1957lp ha detto:

    l’alternativa San Felice sul Panaro – Verona – Trieste non era più comoda?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...