La sentinella.

 

Inutile dire che anche in stazione il cambio repentino di temperatura si fa sentire. A parte i temporali che gelano di venti freddi e bagnano di pioggia, al mattino il termometro è decisamente poco clemente, ma tornare a vestire panni pesanti è un passo indietro nell’evoluzione stagionale che nessuno vuole compiere. Così, con nonchalance il giovane passeggia in giacchetta finta pelle e cappello jazz, fumandosi una sigaretta rollata, ma senza nemmeno dare troppi tiri, quasi fosse un accessorio da ostentare più che un vizio da coltivare. Ma se all’apparenza non è turbato dal freddo mattutino, dalla tasca posteriore di jeans – tristemente vuoti  sui glutei – spunta un pacchetto di fazzoletti di carta, prova evidente di un utilizzo recente. Particolare stonato. Dritto, come fosse inamidato. Sentinella stagionale per eventi imminenti.

Advertisements

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Fotografia ferroviaria e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

24 risposte a La sentinella.

  1. Gisella ha detto:

    Gente disposta a tutto pur di non riesumare la maglia di lana…

    Mi piace

  2. rodixidor ha detto:

    L’evoluzione della specie. A guardare i nostri ragazzi, i tagli dei pantaloni alla moda, ahimè sembra dover scomparire quella parte anatomica specifica dei bipedi a deambulazione eretta. Il culo, sto parlando di quello. 🙂

    Mi piace

  3. 17lastella ha detto:

    “tristemente vuoti sui glutei ” ahahahaha stupenda 😀 e tristemente vera

    Mi piace

  4. alidivelluto ha detto:

    La gioventù, e la sua irruenza, ha molti pregi, ma tende a far sottovalutare l’importanza dei particolari.

    Mi piace

  5. milesweetdiary ha detto:

    Io ho fatto il cambio degli armadi ahimé ma mi toccherà recuperare qualcosa di pesante se non voglio finire rigida come quel pacchetto vuoto di fazzoletti di carta 🙂

    Mi piace

  6. a me i pantaloni a vita bassa non diturbano più di tanto. è se scendo più in basso che mi viene l’orticaria, ogni volta che guardo quelle scarpe brutte come la fame inventate da un imprenditore paraculo che costeranno se va bene un 250-300€ al paio…

    Mi piace

  7. Affy ha detto:

    Ehilà … che tipo ‘sto tipo!
    Incredibile come svetta il pacchetto di fazzolettini, incredibile l’assenza o parvenza del lato B. Incredibile sentinella che all’erta sta!
    Un abbraccio da Affy ♥

    Mi piace

  8. Guido Sperandio ha detto:

    Sono quelle immagini che servono a ricordare quel tot di anni che abbiamo e che fanno la differenza, abbastanza per parlare di altra generazione. YUM-YUM!

    Mi piace

  9. tiZ ha detto:

    A me piace! !!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...