Attese da cancellazione

L’annuncio della cancellazione di un treno desta sempre sospetti nei viaggiatori in attesa. Come possa sparire un convoglio di almeno 6 vagoni non è chiaro. La scelta poi del verbo evoca l’immagine di una grande comma Staedtler che cancelli dai binari solo il treno, come se fosse un trasferello venuto male su uno sfondo prestampato. Le reazioni dei pendolari sui binari vanno dall’indifferente impassibilità alla rabbia, passando per la stizza, lo sconforto, la disperazione anche. Poi subentra la rassegnazione e di nuovo tornano all’attesa, solo di un altro treno. 

Annunci

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Storie di treno, Vita da Pendolante e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

28 risposte a Attese da cancellazione

  1. Enri1968 ha detto:

    E si resta nuovamente in attesa… stato comune alla fine.

    Mi piace

  2. stravagaria ha detto:

    Tutti concentrati sullo smartphone…

    Mi piace

  3. rodixidor ha detto:

    Se poi il treno è stato addirittura “soppresso” si pensa addirittura ad un atto cruento di eutanasia, che tristezza 😦

    Liked by 1 persona

  4. marcello comitini ha detto:

    Eutanasia di un treno? Io lo definirei piuttosto Sadismo sui viaggiatori!! Una sorta di crudele Bondage andato a male tra le Ferrovie a la sua creatura Treno. I viaggiatori poi sono tristi vittime di un voyerismo involontario di tale pratica e sfogano la loro amarezza sugli smartphone…

    Mi piace

  5. Miss Fletcher ha detto:

    In attesa con stile, direi. E meno male che tutti sembrano riuscire ad ingannare il tempo.
    Buona giornata Katia!

    Mi piace

  6. giuliacalli ha detto:

    La prima immagine, quelle braccia abbandonate lungo il corpo, dice tutto 🙂

    Mi piace

  7. Guido Sperandio ha detto:

    Hai reso bene il senso dell’attesa, immagini eloquenti.
    Il problema è che questi disguidi (li chiamo bonariamente “disguidi” perchè oggi mi sento magnanimo con la mia Patria, P maiuscola) sembrano ricorrere in ogni campo. Sottolineo: in ogni campo.

    Mi piace

  8. Gintoki ha detto:

    Sono colpito dalla posa plastica del signore con le sue scarpine a punta

    Mi piace

  9. tiZ ha detto:

    che strazio !!!

    Mi piace

  10. 321Clic ha detto:

    Due settimane fa ho subito anche io un weekend di passione. Il Frecciarossa per Roma del venerdì sera è arrivato con mezz’ora di ritardo e ho perso la coincidenza dell’ultimo treno per Terni. L’intercity che avrebbe dovuto riportarmi a Roma per rientrare non è proprio partito per un guasto e ho perso l’Italo per Milano, biglietto buttato da rifare a nuovo coi costi astronomici di un acquisto lo stesso giorno della partenza.
    Poi ci fanno anche la pubblicità, non viaggiate in macchina sull’autostrada che è stressante. Il treno invece no, è una passeggiata.

    Mi piace

    • Pendolante ha detto:

      Ecco, quando infili una serie di ehm… disguidi di questo tipo, meglio mettersi in un’ottica zen, affidarsi ai santi, invocare gli spiriti degli antenati e cercare di bestemmiare il meno possibile

      Mi piace

  11. ReAnto ha detto:

    Effettivamente la cancellazione di un treno mi ha sempre inquietato . Nel caso di Intercity e Frecciabianca si parla di otto carrozze di cui una è il bar OO

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...