Duello al sole

Guarda la prospettiva del binario come se fosse il futuro, incerto sul miglior modo di affrontarlo. Fermo con una mano in tasca e una giacca in mano, ha bretelle intrecciate sulla schiena a sorreggere pantaloni e anni e sta fisso a fissare l’orizzonte ferroviario. Ha passato senz’altro i settanta e sembra dover decidere il da farsi, se percorrere tutto il binario oppure rimanere immobile a guardarlo per l’eternità. Magari solo fino all’arrivo del treno. Una sfida forse. Vuole verificare se la faccenda della montagna e Maometto funziona anche con un marciapiede di stazione. Oppure è un duello alla Sergio Leone tra lui e la locomotiva in avvicinamento… magari era la sua locomotiva… un ferroviere, certo, o un macchinista che del giorno della pensione viene a trovare la sua Molly (han sempre un nome le cose amate). La guarda passare, la segue ruotando su se stesso finché non scompare. II collega alla guida suona la sirena a salutarlo, in segno di stima e perché sa che un giorno ci sarà lui su quel binario a salutare la stessa locomotiva, la sua Gemma (perché le cose han nomi diversi a seconda di chi le ama).

A fine agosto non so inventarmi nulla di meglio.

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Vite in viaggio e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

28 risposte a Duello al sole

  1. stravagaria ha detto:

    Su Fb compare la foto con l’uomo in bretelle di cui effettivamente parli nel postma ma di cui sul blog non c’é traccia. A parte questo, è vero 😊: le cose hanno nomi diversi a seconda di chi le ama. La fine di agosto mi pare non ti abbia ispirato male 😉

    Piace a 2 people

  2. Miss Fletcher ha detto:

    Che bello scatto! Hai ragione Katia, le cose amate hanno sempre un nome.
    Buon inizio di settimana a te!

    "Mi piace"

  3. marcello comitini ha detto:

    Sul blog la foto appare per metà e con sovrapposto tutto ciò che compone la colonna di destra della pagina del tuo blog.

    "Mi piace"

  4. rodixidor ha detto:

    Storie di ordinaria senilità: “Ma dove sta la latrina?”.
    (Consentimi un commento irriverente per augurarti una buona settimana pendolante 🙂 )

    "Mi piace"

  5. Guido Sperandio ha detto:

    Atteggiameno curioso, sembra messo lì inserito suo malgrado. Trapela un senso di provvisorietà, unica certezza le braghe ancorate saldamente da robuste bretelle, si sa mai che te le possano scippare.
    (Ti perdono le fantasie alla zia Polly da film americano in bianco e nero, anni 40, tutte quelle Gemme, Molly… ma una donna, si sa, l’amour-l’amour-l’amour-l’amour… )

    Nota: A proposito di film, non hai ancora citato Il Ferroviere, grande film di Germi, grande regista.

    "Mi piace"

  6. marco1946 ha detto:

    Dal treno scenderà Charles Bronson?
    E quando uno dei 3 sicari di Frank gli dirà “Peccato, manca un cavallo!” gli risponderà “No, ce ne sono 2 di troppo…”

    "Mi piace"

  7. alidivelluto ha detto:

    Conosco invece l’epoca dei fatti, qual’ era il suo mestiere:
    i primi anni del secolo, macchinista, ferroviere

    "Mi piace"

  8. Bill Lee ha detto:

    Per conto mio inventi anche troppo bene

    "Mi piace"

  9. gialloesse ha detto:

    Fantasia e sensibilità. Molto piacevole.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...