Me too

Un progetto a cui dare voce e visibilità. Un progetto a cui anche io ho aderito, sebbene il mio racconto uscirà in forma anonima. Un progetto da seguire e imitare perché in futuro non c’è ne sia più bisogno.

Tratto d'unione

2_MeToo

Oggi parte su questo blog un nuovo progetto, legato al movimento Me too, che ci accompagnerà per diverse settimane e che, ogni lunedì, vedrà la pubblicazione dei racconti – testimonianze di vita vissuta – scritti da donne che hanno subito molestie.

Si tratta di blogger, amiche, amiche di amiche… che ho invitato a uscire dal silenzio per raccontarsi in quanto donne in un mondo dove, purtroppo, ancora molti uomini si permettono di cedere ai propri desideri senza tener conto di quelli della donna che li ha suscitati.

AriannaFarricellaArianna Farricella (1991), giovane e talentuosa fumettista, ha accettato di illustrare queste storie, perciò ogni racconto sarà accompagnato da un disegno creato appositamente da lei, che voglio ringraziare per la disponibilità e la sensibilità con la quale ha tradotto in immagini le parole.

Il Me Too movement esiste già dal 2006. Lo ha fondato negli Stati Uniti Tarana Burke per aiutare donne…

View original post 495 altre parole

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

16 risposte a Me too

  1. Tratto d'unione ha detto:

    Cara, grazie! La speranza è proprio quella, parliamo di cosa significa per una donna vivere costantemente all’erta, subire molestie, abusi o peggio. Perché il mondo migliori e “non ce ne sia più bisogno” 🙂

    Piace a 1 persona

  2. stravagaria ha detto:

    L’anonimato può aiutare a raccontare e raccontarsi con maggiore libertà. Spero tu non abbia avuto esperienze personali troppo spiacevoli. Leggerò con interesse

    Piace a 2 people

  3. tramedipensieri ha detto:

    Uscire allo scoperto cosa diffilissima, un forte abbraccio a chi si racconta. Tacere è dannoso per tutti.
    Grazie Katia 🙂

    Piace a 1 persona

  4. Lisa Agosti ha detto:

    Anch’io ho partecipato e anch’io vado a condividere sperando che tutti facciano lo stesso.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...