Il treno nei libri: La casa nel bosco

Gianrico e Francesco Carofiglio. La casa nel bosco. Bur Rizzoli, 2016.

[…] Fino a che dal giardino passò Picciafuèc.
<<Chi, quel tipo anziano, che improvvisamente dava di matto?>> chiede Francesco.[…]
<<Non si è mai capito bene, se fingesse o facesse sul serio. Lo sai che veniva ogni giorno in treno da un paesino della provincia? Viaggiava vestito normale, come uno qualsiasi.>>
<<Che vuol dire?>>
<<Poco prima di arrivare a Bari si infilava nel bagno, si toglieva gli occhiali, si cambiava e conservava gli abiti, diciamo borghesi, nello zaino. Era una specie di supereroe freak. Portava sempre una salopette sudicia, con una bretella sganciata, che gli lasciava in mostra le mutande. Anzi, spesso le mutande non ce le aveva neanche. Al giardino lo prendevano in giro, e lui si incazzava e cominciava a urlare. Faceva parte del gioco, sempre lo stesso identico spettacolo. Poi prendeva una tanica di benzina e minacciava di darsi fuoco. >>
<<Ma era tutta una finta.>>
Certo che era una finta. Nella tanica non c’era benzina, ma tutti fingevano di credergli. Lui faceva la sua performance, poi quando qualcuno gli portava una birra e lui si calmava. Passava le giornate così. La sera riprendeva lo stesso treno, si dava una lavata in bagno e si cambiava. Non chiedermi chi me lo aveva detto, era una di quelle cose che sapevamo e basta.
[pp. 42-43]

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Il treno nei libri e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Il treno nei libri: La casa nel bosco

  1. massimolegnani ha detto:

    quindi..il treno trasforma.
    succede anche ai pendolari di cambiare i connotati in viaggio?
    ml

    "Mi piace"

    • Pendolante ha detto:

      Ho visto distinti gentiluomini trasformasi in belve all’ennesimo ritardo, signore perdere ogni dignitoso contegno alla cancellazione del treno, giovanotti educati tramutati in troll dopo venti minuti di sosta in aperta campagna… capita sì.

      "Mi piace"

  2. Miss Fletcher ha detto:

    Non conosco questo libro, tu trovi sempre romanzi in tema con il blog!

    "Mi piace"

  3. lepastelbleu ha detto:

    i pendolari cambiano eccome! salgo a Genova, 12 gradi…scendo in Valle Scrivia, gradi zero…dallo zaino spuntano berretto di lana che calo sino agli occhi, sciarpa che avvolgo dieci volte attorno al collo, guanti e mi sa, tra poco, soprascarpe per la neve…e mi immergo in un paesaggio reso lunare dalla brina…

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...