Sedili rivestiti

I moderni convogli Regionali, a torto denigrati dai quei faziosi dei pendolari che li abitano, hanno sedili rivestiti di nuovo. I cappotti delle sedute hanno fògge e colori differenti e spesso vengono cambiati più volte lungo la tratta, durante le fermate nelle stazioni, affinché ogni pendolare possa sentire quel sedile come proprio. Ri-vestimenti usa e indossa.

Il tessuto – più o meno imbottito – avvolge il sedile e il viaggiatore con la doppia funzione di riscaldarlo e proteggerlo da eventuali impurità che, raramente ma accade, altri possono avere lasciato su schienale o seduta: macchie di dubbia provenienza, briciole di indefinibili materiali, umidità di oscura natura… A questo scopo solitamente il cappotto andrebbe appoggiato dalla parte esterna, non da quella che si indossa, una volta sottratto al sedile, ma qualche imprudente principiante può cadere nell’errore. Allora il dilettante si porterà addosso il pendolarismo di altri, sperando che sia più salubre di quanto non si creda.

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Storie di treno e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

26 risposte a Sedili rivestiti

  1. Valeria Minciullo ha detto:

    Ma… questo è il treno Sassuolo/Modena?

    Mi piace

  2. stravagaria ha detto:

    Ti vedo attenta, anche io vedendo la foto ho pensato subito che quello a destra era sistemato in modo poco igienico. 😁

    Mi piace

  3. quarchedundepegi ha detto:

    Un po’ di fatalismo ci vuole.
    Non sono mica tutti infetti quelli che vanno sul treno… e poi, ci sono le vaccinazioni naturali… sì, perché la natura è grande… o no?
    BUONGIORNO.
    Quarc

    P.S.: Nel mio penultimo articolo parlo male di chi gestisce i treni… ma tu non mi vieni a trovare quasi mai.

    Mi piace

  4. marco1946 ha detto:

    Forse è passato un controllore cannibale che si è mangiato i viaggiatori senza biglietto. Prima li ha sbucciati.

    Mi piace

  5. ReAnto ha detto:

    Che coglionazzi !😀

    Mi piace

  6. qualche tempo fa qualcuno ha pubblicato uno studio (su una rivista per altro con discreto IF) per smentire la bufala dei 5 secondi (“se ti cade qualcosa per terra e lo raccongli entro 5 secondi bla bla bla…”). tempo prima la notizia della presenza di tracce di sostanze “dalla sgadevole provenienza”, diciamo, nelle noccioline dei bar (ma se cerchi su pubmed, invece, di tracce non ne trovi e anche qui il sapore di bufala è forte). adesso aspetto che qualcuno pubblichi uno studio sui minuti di tolleranza prima dell’invasione batterica delle giacche sui sedili dei regionali 😀

    Mi piace

  7. gaberricci ha detto:

    Prima o poi secondo me le tracce biologiche presenti sui regionali si fonderanno in un’entità senziente che prenderà il comando di Trenitalia.

    L’assurdo è che la governerà meglio.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...