Il treno nei libri: Otel Bruni (1)

Valerio Massimo Manfredi. Otel Bruni. Mondadori.

Gaetano scese dal biroccio di Iófa alla stazione di Castelfranco. Lì presentò il buono del governo che gli consentiva di viaggiare gratis fino a Modena e di là fino a Verona dove avrebbe dovuto presentarsi al comando di reggimento.
“Come faccio a cambiare treno a Modena?” Domandò.
“Ci sono i tabelloni dove c’è scritto in che binario devi andare.”
“Ma io non ci capisco niente” rispose terrorizzato Gaetano.
“Allora fai vedere questo biglietto a un ferroviere e gli dici: io sono un soldato e devo andare a Verona, dov’è il binario?” Vedrai che ti risponde. I ferrovieri hanno divisa grigia con un berretto in testa come un ufficiale dell’esercito. Quello con il berretto rosso è il capostazione. Non ti puoi sbagliare.”
[…]
Sì senti un fischio e poco dopo la locomotiva si fermò ansando e sbuffando avvolta in una nube di fumo e di vapore. Un’impressione. Era come una macchina da fuoco ma dieci volte più grande e al posto della trebbia avevi che vagoni. Iófa scaricò il bagaglio del suo passeggero: un sacco con un po’ di biancheria, qualche camicia, un pezzo di parmigiano, un salame e qualche pagnotta.
“Quello è il tuo treno, Tanein” gli disse Iófa consegnandogli il sacco, “È ora di salutarci.”
“A te ti è arrivata la cartolina?” Gli chiese Gaetano.
“No. Non vedi che ho una gamba più corta dell’altra? Io non sono buono per il re.”
[…]
E così Gaetano Bruni salì su un treno per la prima volta in vita sua, per andare in guerra.
[pp. 57-58]

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Il treno nei film e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Il treno nei libri: Otel Bruni (1)

  1. stravagaria ha detto:

    Non mi dispiace questo autore anche se questo libro non l’ho letto..l

    "Mi piace"

  2. Guido Sperandio ha detto:

    Sto, ovviamente, allo stralcio che riporti e non posso quindi giudicare oltre, ma quelle poche righe mi sono molto piaciute. Per la sobrietà nel contempo efficace a rendere il personaggio.
    (Rende anche il clima di un’epoca)

    "Mi piace"

  3. Miss Fletcher ha detto:

    Anche io non l’ho mai letto e il brano che hai scelto non mi dispiace. La frase finale è da brividi!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...