Attese col filtro

Filtrate dai finestrini dei treni in sosta, le attese pendolari diventano narrativa. Racconto su pagine di vetro. La realtà riflessa si drammatizza, persone si trasformano in personaggi, vissuti in storie, movimenti in sceneggiatura, vite in trame, protagonisti in spettatori delle attese altrui.

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Fotografia ferroviaria, Vita da Pendolante e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

23 risposte a Attese col filtro

  1. quarchedundepegi ha detto:

    Sì, questa foto mi piace… anche quello che hai scritto.
    BUONGIORNO.
    Quarc

    P.S.: Penso potrebbero piacerti le foto del mio ultimo articolo.

    Mi piace

  2. Guido Sperandio ha detto:

    Vero, vero!
    (Gesummio, Trenitalia ti sta sviluppando una sensibilità e una vena che se Proust è una vetta tu ci stai ormai vicina di una spanna.)

    Mi piace

  3. stravagaria ha detto:

    Bella chiosa alla foto… 👍

    Mi piace

  4. wedreamaloud ha detto:

    Ho preso il treno tutti i giorni per molti anni e non ho mai smesso di affascinarmi nel guardare dal finestrino le “vite altrui” che si incrociavamo con la mia … molto belle le tue parole e bella anche la foto

    Mi piace

  5. Miss Fletcher ha detto:

    Sì, i finestrini del treno sono pagine di romanzi che alcuni sanno leggere e raccontare meglio di altri! Un bacione Katia!

    Mi piace

  6. gaberricci ha detto:

    Una volta (molto anni fa) ho scritto un mezzo racconto su questo argomento, che si intitolava “Arrivi e partenze (Stazione in bottiglia)”. Tu hai saputo dirlo molto meglio di me:-).

    Piace a 1 persona

  7. lepastelbleu ha detto:

    splendidissima foto, bravissima!

    Mi piace

  8. Sara Provasi ha detto:

    Le tue foto lo fanno trasparire molto bene!

    Mi piace

  9. gianni ha detto:

    Agatha Christie ci ha scritto un libro sulla visione attraverso il finestrino, se non erro.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...