Il treno nei libri: Il caso Malaussène

Daniel Pennac. Il caso Malaussène. Mi hanno mentito. Feltrinelli, 2017.

Imboscato esattamente dietro di me, tra il sedile e la parete dello scompartimento, Julius faceva finta di essere morto. Ha qualcosa di eccezionale, la capacità di quel cane di rendersi invisibile. Ci sono alcune circostanze in cui Julius sparisce completamente. Fra queste, i viaggi in treno. Appiattito come una sottiletta, si confonde con il grigio della moquette. Invisibile, il cane. A malapena respira. Di conseguenza, niente supplemento da pagare. Resta solo l’odore. In genere lo attribuiscono a me. Quindi, per giunta, niente vicini di posto. Tranne quella sera. Il tipo che avevo seduto accanto non sembrava infastidito. Era un Marcantonio d’uomo, tatuato, capelli grigi, nuca dritta e rasata, abbronzato, profilo aquilino, occhio fisso, giubbotto di pelle. Sulla sessantina, ma una sessantina inossidabile. Niente niente si portava dietro l’Harley Davidson in valigia. Cosa curiosa, aveva mani da bambino e la Legion d’onore appuntato il giubbotto. Anche lui era immerso nella lettura del manifesto. Leggeva e non fiatava. Non cercava di attaccare bottone. Il che era perfetto per il mio desiderio di paesaggio.

Il quale paesaggio, superato il confine della Drôme, mi addormenta sempre.

Abbioccarmi in treno, al cinema, a teatro o mentre leggo è una voluttà cui non rinuncio mai.

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Il treno nei libri e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

14 risposte a Il treno nei libri: Il caso Malaussène

  1. Un post al 2 gennaio: buon auspicio per l’anno entrante! Buon tutto 🙂

    Piace a 1 persona

  2. Enri1968 ha detto:

    Buon proseguimento di 2021 e di letture…

    "Mi piace"

  3. guidosperandio ha detto:

    Oh… ci voleva una buona carica di bollicine per farti uscire dalla tana!
    Pennac a suo tempo ha avuto un successo di passaparola epidemici (o pandemici?)
    Meritato, ricordo di averli letti tutti (i primi, di Malaussene). Spassoso, come il brano scelto sopra.

    "Mi piace"

  4. stravagaria ha detto:

    Ho provato a leggere Pennac in passato ma forse ho sbagliato titolo perché non mi aveva catturato

    "Mi piace"

  5. Melissa ha detto:

    Malaussene è stato per me una rivelazione. Consigliata da un collega ho divorato la saga e visto un altro Pennac! Ottima scelta!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...