Viaggio a Friburgo: viaggiatrice notturna

La teutonica passeggera del tram n. tre regge irrigidita una brocca termica, retta, come nitroglicerina instabile. Filtrata dal vetro frangi-aria la sua immagine riflette quelle degli altri passeggeri e delle strutture metalliche di sostegno in un effetto onirico adatto all’ora tarda. L’attenzione al percorso e all’equilibrio della sua caraffa viene meno e per noia si concentra sul solito smartcoso. Perde la postura eretta, incurva le spalle, piega il beccuccio della brocca e noi si rimane in attesa della rovinosa perdita di liquido sul pavimento. Vuoto o a chiusura ermetica il panciuto vaso non emette goccia.

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Storie di treno e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Viaggio a Friburgo: viaggiatrice notturna

  1. stravagaria ha detto:

    Un design meno essenziale di quello delle bottiglie termiche a cui ci siamo abituati 😉

    "Mi piace"

  2. Tratto d'unione ha detto:

    A colpo d’occhio mi era sembrata una papera sulle ginocchia

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...