Il pranzo pendolare

L’orario continuato costringe alcuni pendolari a consumare il pranzo ad ora tarda, arrangiandosi solitamente con una merenda abbondante, un frutto, un pasto leggero da recuperare alla sera con più ricca portata. Attendono a volte di rincasare per riempire lo stomaco, ma non di rado il vagone diventa sala mensa per studenti e lavoratori. La nostra invece, con l’amica sua fidata [cit.], si trova alle 14 sul binario 2, ma mentre quella addenta panini e pizzette con ingordigia, annaffiandoli con risucchio da cannuccia di Estathé, lei preferisce un pasto autoprodotto, da consumarsi in un contenitore sigillato che, spero, viste le temperature precocemente estive, abbia potuto conservare in frigo durante il lavoro.

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Vita da Pendolante e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Il pranzo pendolare

  1. Il Pendolare ha detto:

    Alcuni si portano il pranzo da casa e lo consumano in ufficio: anatema su diloro!

    "Mi piace"

  2. Tratto d'unione ha detto:

    Mio padre, 88 anni, ancora non si capacita del fatto che oggi la gran parte dei lavoratori non fa più la pausa pranzo. Per lui, che per tutta la vita ha pranzato al tavolo della sua cucina un pasto appena cucinato, avendo pausa dalle 12 alle 14, la cosa è inconcepibile.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...