Come un quadro

Quasi vuoto il vagone è dotato di moderni sedili in file da due o a postazioni da quattro e per non farsi mancare nulla offre anche sedute da metropolitana, parallele alle pareti. Nonostante questa ricca offerta di confort viaggiante, non occupata da altri pendolari, la signora sceglie di sedersi di fronte alla porta, in uno dei sedili a ribalta estraibili dalla parate. Ad ogni fermata, all’apertura delle porte, un’ondata di aria calda la investe, ma imperturbabile la donna resiste, non scende, non si alza, non cambia posto. Sta! La testa incorniciata ad hoc nell’apertura della parete divisoria, viene il dubbio che il sedile sia regolabile in altezza per permetterle la precisa inquadratura del suo foulard. Non fosse per il piede che sguscia, sfuggente, dalla parte bassa della divisoria, parrebbe un quadro di viaggiatrice pendolare.

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Fumetti ferroviari, Storie di treno e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Come un quadro

  1. quarchedundepegi ha detto:

    BUONGIORNO Pendolante.
    Quarc

    "Mi piace"

  2. Tratto d'unione ha detto:

    Architetture viaggianti con foulard Gucci

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...