Archivi categoria: Storie di banchina

Il turpiloquio non porta primavera

Ogni parola che gli esce dalla bocca mira a colpire un’ignota “troia reggiana”. Come bestia in gabbia percorre a falcate il marciapiede spaventando più di un pendolare in attesa, imprecando, insultando, alzando il tono della voce senza mai arrivare all’urlo, … Continua a leggere

Pubblicato in Insalubri Pendolanti, Ritratti, Storie di banchina | Contrassegnato , , , | 28 commenti

In bilico di binario

Al telefono di prima mattina sceglie l’estremo nord del binario per trovare la privacy necessaria. Concentrato sul dialogo telefonico vaga per la banchina guardandosi i piedi o poco oltre. Sempre oltrepassando la linea gialla. Pare se ne faccia un punto … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , | 29 commenti

Bianchetto

Stazione di Bologna, 21 circa. Al primo tavolo del bar Scambio l’uomo fissa il suo bicchiere che fu di vino bianco, ma ora non è più. L’inverno fuori non è rigido come dovrebbe, ma la notte da passare è lunga. … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , , , | 25 commenti

Morra

L’attesa del treno del mattino nel freddo invernale copre le teste di cappucci e berretti e peli d’imbottiture sintetiche, più raramente vere. Le due stanno sul binario, una in panchina l’altra in piedi, ma è chiaro che si conoscono ancor … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , , | 30 commenti

Cartolina ferroviaria

Treno fermo, porte chiuse, partenza incombente. Lui sul binario. Lei nel vagone. In piedi. Il vetro della porta li divide. Equilibrio perfetto tra dentro e fuori, tra prima e dopo, tra andare e restare. Immobili si fissano per il tempo … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina, Vita da Pendolante | Contrassegnato , , , | 22 commenti

Blackout

7.26 del mattino. Si spengono le luci notturne in stazione. Sulla banchina del primo binario cala improvvisa un’oscurità non totale, ma tra il prima e il dopo la differenza conta. Un istante impercettibile di panico. Prima che la parte raziocinante … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , | 16 commenti

Ostruzioni

“Lui non si deve permettere!” L’urlo arriva dall’imbocco delle scale del sottopassaggio. Il Frecciarossa fermo sul binario è in attesa del suo capo treno che è chiamato a dirimere un alterco. Gli si rivolge la ragazzina inferocita che indica con … Continua a leggere

Pubblicato in Insalubri Pendolanti, Storie di banchina | Contrassegnato , , , , | 20 commenti

Racconto banale … di una sera normale

Ripresento un vecchio post del 31 ottobre 2012. Era un Esercizio Di Scrittura (EDS) su Halloween, ispirato da una foto scattata in stazione… Le banchine sono deserte, nessun viaggiatore, nessun pendolare, nessun treno. La luce mattutina filtra gli oggetti in … Continua a leggere

Pubblicato in Esercizi Di Scrittura, Storie di banchina | Contrassegnato , , , , | 15 commenti

Questione di anticorpi

Dal finestrino aperto del treno in sosta voci entrano in vagone. Sul marciapiede si agita un tipo con maglietta verde a maniche corte arrotolate che non ne vogliono sapere di restare sulle spalle e richiedono una manutenzione continua. Anche i … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , , | 30 commenti

Scarpe chiuse, devo andare

Sfrontatamente appoggiata con un gomito alla ringhiera, guarda i pendolari con aria di supponenza giovanile sfidando il mondo a metterla alla prova. Già alle sette di mattino la ragazza è pronta alla lite, ma basta che si accorga di essere … Continua a leggere

Pubblicato in Ritratti, Storie di banchina | Contrassegnato , , , | 22 commenti