Archivi categoria: Storie di banchina

In punta di pennello

In tanti anni di pendolarismo ho visto più di una viaggiatrice provocarsi metamorfosi facciali da maquillage, trasformando i propri lineamenti stropicciati dalla sveglia in visi freschi di bucato. La capacità di queste donne di truccarsi in treno è acquisita in … Continua a leggere

Pubblicato in Ritratti, Storie di banchina | Contrassegnato , , , | 14 commenti

Ricordi di viaggio

Stagione di ferie, mare, viaggi, gite, città d’arte, laghi, itinerari gastronomici, storici, culturali, grigliate, trekking sui monti, o soggiorni di quiete e riposo… tra i pendolari si mescolano turisti e viaggiatori più o meno occasionali. L’equipaggiamento li tradisce, l’aria svagata, … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , , | 10 commenti

Ad libitum sfumando

Auricolari collegati allo smartcoso che regge in grembo con entrambe le mani. Gli occhi sono chiusi. Seduta sulla panchina del secondo binario, canta. Prima piano, ma udibile, poi più decisa, con voce che va oltre l’intonato. Uno strumento acustico che … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , , , | 29 commenti

Ufficio movimenti

Affacciata sul marciapiede del primo binario, la vetrata dell’Ufficio Movimenti riproduce, speculare, la porzione di stazione che ha di fronte. Marciapiedi di binari, rotaie, treni e viaggiatori. Volutamente riflettente, la vetrata nasconde chi ci lavora dietro, ma fa da specchio … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , , | 22 commenti

Abbagli

Di passaggio verso il bar della stazione per il primo caffè di tanti, un riflesso nella visione periferica blocca la falcata pendolare e mi riporta sui mie passi. Giusto un paio. Seduta in solitaria una ragazza sfoglia un giornale sullo … Continua a leggere

Pubblicato in Ritratti, Storie di banchina | Contrassegnato , , , , , | 24 commenti

Piccola storia romantica

Evidenziato in arancione dal giubbotto, l’uomo non passa inosservato tra le righe di binari e rotaie che oltrepassa noncurante dei divieti, forse perché il giallo delle strisce di confine sbiadisce innanzi al tono suo più acceso. Con la decisione di … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , , | 15 commenti

Ricicla la fortuna

Sul binario uno della stazione di partenza, lato bar, sta un marchingegno spilla soldi da luna park. Muovendo una piccola gru è possibile agganciare uno dei tanti pupazzi ammassati dentro il macchinario, oltre il vetro. Ovviamente non prima di aver … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , , | 19 commenti

Scuola di danza

Quattro sotto i vent’anni. Due ragazzi, due ragazze. Multietnici. Una coppia ferma a lato, l’altra balla davanti alla vetrata scura del bar, specchio improvvisato di una scuola di danza ferroviaria. Si guardano mentre al suono di musica simil reggae (ma … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , | 19 commenti

L’uomo che parla

Marrone nei pantaloni, maglione e capelli. Un monocromatismo fuori stagione che chiama per nome la tristezza, ma si addice alla giornata grigia che sa di pioggia. Parla da solo, con la sigaretta, con la ringhiera del sottopassaggio, coi pendolari che … Continua a leggere

Pubblicato in Ritratti, Storie di banchina | Contrassegnato , , , , | 17 commenti

L’attesa siede

Non è l’assenza di panchine che siede per terra. È lo stare al margine. Dell’età adulta o della società. O solo lo stare comodi nell’attesa del treno. Anche.

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , , , | 13 commenti