Archivi categoria: Storie di banchina

Autunno in stazione

Scaldano i colori dell’autunno, punge l’aria del mattino. Quieta la stazione incurante della folla silenziosa di pendolari sui binari. Avvolge la luce diffusa da un alba appena passata. Al margine del binario tutto si dirada in prolungato tepore di coltri … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , | 20 commenti

Saluto all’estate

Grida sempre. Ancora lui. La rabbia che sprigiona più che timore mette angoscia. Quel perenne stato di astio vomitato in urla sconnesse che maledicono Riccione, un fantomatico Raf, il mondo, la vita. Isolato al limite del binario urla, si siede, … Continua a leggere

Pubblicato in Ritratti, Storie di banchina | Contrassegnato , , , | 23 commenti

Sicurezza in stazione (?)

Per giorni hanno fatto la ronda sui binari, nei sottopassaggi, in stazione. A passo lento, i fucili in mano, i giubbotti antiproiettile. Militari di carriera (ormai lo sono tutti). Sempre gli stessi, tra loro anche una donna. Nonostante l’atteggiamento tranquillo, … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina, Vita da Pendolante | Contrassegnato , , , | 18 commenti

Una Provincia ospitale

La provincia di Modena è un territorio ospitale. Non solo per i turisti a cui offre cultura, gastronomia, storia e motori, ma anche per i profughi, per chi chiede asilo politico. Stanotte la Provincia di Modena ha ospitato sulla sua … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , , | 18 commenti

Cuccetta riservata

È angusta la cuccetta che si è scelto in stazione. Alcuni, per dormire, preferiscono il corridoio, vicino alle colonne, dove si possono stendere le gambe, anche se la luce del mattino passa presto dalle vetrate e tocca poi coprirsi la … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina, Vite in viaggio | Contrassegnato , , , | 8 commenti

L’uomo a righe

L’uomo a righe ha superato l’età della pensione come il suo guardaroba ha superato il concetto di modernità e temperatura, entrambi apparentemente senza alcun turbamento. L’uomo a righe risponde al cellulare con un “Chi è che parla?!” che “pronto” fa … Continua a leggere

Pubblicato in Ritratti, Storie di banchina | Contrassegnato , , , | 26 commenti

Nidificazione ferroviaria

Sotto la tettoia del secondo binario, tra i cavi elettrici arrotolati, sta nidificando un piccione, forse tortora o colombo. Non ho mai tenuto a mente le differenze. Sarà il verde bucolico del tubo, sarà che la forma circolare è adatta … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , | 12 commenti

Ciclo-stazione

Problema parcheggio: risolto. Lega la bici sul binario.

Pubblicato in Fotografia ferroviaria, Storie di banchina | Contrassegnato , , , | 16 commenti

Il sopravvissuto

Uno sfiato d’aria prolungato e rumoroso mi segue in cima alle scale del sottopassaggio. Sul piano del marciapiede del binario l’ansimo continua in respiri profondi che vanno oltre il normale affanno di chi, non allenato, sale le scale. Una specie … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , , , | 20 commenti

L’uomo che guardava passare i pendolari

Incorniciato della porta aperta sul corridoio della biglietteria, l’uomo se ne sta sul primo binario col suo cappello, il suo cappotto corto troppo caldo, ingobbito leggermente dall’età. Se ne sta a guardare il passare dei treni. Forse un amante di … Continua a leggere

Pubblicato in Ritratti, Storie di banchina | Contrassegnato , , , , | 10 commenti