Archivi categoria: Storie di banchina

Spazzamenti con ‘tenzion

Dove sei sei, lui arriva e ti sposta. Se sei a destra deve venire a destra, se a sinistra deve pulire a sinistra, se ti metti al centro lui punta al centro. Con un mantra nervoso, ad alta voce avverte: … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , | 6 commenti

Tautogramma pendolare

Passando passeggero pendolare protegge, parlando, proprio parere. Cuffie cellulare celate con cappuccio. Credo. Insinuo invisibile interlocutore, in incredula ipotesi insana. Trasalgo tramortita tra tremendo tormento: Trenitalia turba.

Pubblicato in Storie di banchina, Vita da Pendolante | Contrassegnato , , | 4 commenti

Cuccioli da stazione

Protegge il suo cucciolo mamma orsa. Avvistata in stazione ferroviaria di pianura emiliana, questa specie è diffusa su tutto il territorio nazionale. Il nostro esemplare pascola col suo piccolo sul binario 2, senza lasciargli mai la mano. Nato in cattività, … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina, Vita da Pendolante | Contrassegnato , , | 2 commenti

Aloni da viaggio

L’alone da viaggio contraddistingue il pendolare che raggiunge la stazione in macchina. Sin dal primo mattino le temperature elevate segnano la schiena di chi, forse, ha sedili in pelle o comunque una sudorazione abbondante concentrata nella zona dorsale, sebbene non … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina, Vita da Pendolante | Contrassegnato , , , | 16 commenti

Vertigini

La specularità della posa, l’opposizione dello stile, la somiglianza distinta degli accessori, il contrasto dei colori, la stessa attesa. Un senso di vertigine improvviso nello scatto.

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , , | 4 commenti

Boy band

Spiccano i quattro per analogo abbigliamento. Quattro t-shirt bianche su quattro shorts neri. Pantaloncini e maglietta da boy band metropolitana con finitura in tracolla nera e scarpa da ginnastica. Slavi di lingua, giovani di età. Danzano tra loro in spostamenti … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , , , | 8 commenti

Il buco con la stazione intorno

Mano ignota di viaggiatore accorto ha cerchiato un insolito buco di stazione. Posto ad altezza d’uomo su un palo di sostegno della pensilina, il foro è tanto inquietante quanto evidenziato. Il nostro infatti, non pago di averlo contornato, lo ha … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , , , | 14 commenti

Quell’irrefrenabile desiderio

Se ne sta, in emulazione di fenicottero, su una gamba sola. Sospeso a mezz’aria il piede non sopporta il contatto con la scarpa dalla quale si è sfilato agilmente non appena raggiunta la postazione d’attesa, in un’irrefrenabili desiderio di libertà. … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , , | 19 commenti

Accessori da pandemia

Fino a un paio d’anni fa, una mascherina sul viso nascondeva un asiatico immigrato che esportava l’abitudine tutta orientale di coprirsi le vie aeree negli agglomerati urbani. Folkloristico personaggio in contesto sbagliato, additato con bonaria tolleranza dagli autoctoni. Quel che … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , , , | 20 commenti

Colori pendolari

Giallo, rosso e verdone. Con aggiunta di arancione. Colori autunnali, ma non stagionali che in estate la livera dei Tper non cambia e nemmeno i catarifrangenti smanicati dei due addetti alle interviste. “Indagine sulla soddisfazione degli utenti”. O similqualcosa. Lo … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina, Vita da Pendolante | Contrassegnato , , , | 11 commenti