Archivi tag: Pendolari

Il treno nei libri: Cambiare l’acqua ai fiori

Valérie Perrin. Cambiare l’acqua ai fiori. Edizioni e/o 2020. Nel giugno del 1992, tre anni dopo il nostro matrimonio, la Francia ferroviaria si è paralizzata. A Malgrange il treno delle 6.29 è diventato quello delle 10.20 che è diventato quello … Continua a leggere

Pubblicato in Il treno nei libri | Contrassegnato , , , , | 11 commenti

Accessori da pandemia

Fino a un paio d’anni fa, una mascherina sul viso nascondeva un asiatico immigrato che esportava l’abitudine tutta orientale di coprirsi le vie aeree negli agglomerati urbani. Folkloristico personaggio in contesto sbagliato, additato con bonaria tolleranza dagli autoctoni. Quel che … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , , , | 20 commenti

Colori pendolari

Giallo, rosso e verdone. Con aggiunta di arancione. Colori autunnali, ma non stagionali che in estate la livera dei Tper non cambia e nemmeno i catarifrangenti smanicati dei due addetti alle interviste. “Indagine sulla soddisfazione degli utenti”. O similqualcosa. Lo … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina, Vita da Pendolante | Contrassegnato , , , | 11 commenti

Invasione di campo

Distese, ma nemmeno troppo, le gambe dell’uomo coprono agilmente i 60 centimetri che dividono un sedile dall’altro, superando la seduta frontale di tutto il suo 56 di piede. La cosa non turba minimamente la dirimpettaia borsa adagiata sul sedile, ma … Continua a leggere

Pubblicato in Vita da Pendolante | Contrassegnato , , | 18 commenti

Nuche da stazione 6

Nell’ultimo mese ho bazzicato per vari motivi la stazione, pur non avendo ricominciato a pendolare e ancora mi ci sento a casa. Non cambia di molto la vita sui binari. Non cambiano i viaggiatori anche se sempre sono diversi. Ne … Continua a leggere

Pubblicato in Fotografia ferroviaria | Contrassegnato , , , , | 8 commenti

Il pifferaio

Il suono si incanala nel sottopasso dal retro della stazione. Indifferenti alla tortuosità del percorso che svolta e risvolta nel sottosuolo, le note del novello pifferaio di Hamelin, raggiungono gli abitanti di quel mondo sotterraneo. Nulla di particolarmente originale, eppure … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina, Vita da Pendolante | Contrassegnato , , , | 14 commenti

Gioco di mano gioco da villano

Adagiato sul sedile protende il gonfio ventre al soffitto, reclina la testa all’indietro, spalanca la bocca all’eccesso. Dorme l’uomo. Immobile. L’altro arriva dal nulla del vagone precedente e con delicato tocco gli scuote una spalla. Nulla. Insiste con rinnovato vigore. … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di treno | Contrassegnato , , | 12 commenti

Cerbero di stazione

Blindata la stazione. Misure di sicurezza. Solo uno il varco d’accesso e sulla soglia c’è lei, la Cerbero dei viaggiatori che presidia, controlla, veglia e misura la temperatura di chi entra. Docili gli astanti si sottomettono alla sua autorità, agevolandone … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , , | 15 commenti

Oggi era il giorno

Oggi era il giorno. Ho rimandato di settimana in settimana e oggi era il giorno, ma ho abortito il rientro in stazione. Non è paura, semmai pigrizia. All’inizio della pandemia, quando le città si sono fatte deserto, la prudenza mi … Continua a leggere

Pubblicato in Comunicazioni di servizio, Vita da Pendolante | Contrassegnato , , | 19 commenti

Ne usciremo migliori (?)

Non prendo il treno oggi, anche se torno al lavoro. Prudenza più che paura. Potendo evitarlo mi parrebbe un azzardo, un inutile sfida alla mia buona sorte. Eppure un “dopo” ci sarà e riprenderemo più o meno le nostre vecchie … Continua a leggere

Pubblicato in Vita da Pendolante | Contrassegnato , , , | 23 commenti